Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da ottobre 21, 2007

ABETE

Parliamo oggi degli alberi di Natale, conoscendoli nella forma e nel colore.

l'abete bianco a forma piramidale con rami opposti, partenti dalla base disposti su un unico piano. Foglie aghiformi verde scuro lucente sopra, grigiastre nella pagina inferiore. E' un albero molto rustico, sopporta l'ombra ma prediligie zone con elevata umidità, non tollera il terreno calcareo.

l'abete di grecia a forma piramidale cono eretto e foglie aghiformi con finale pungente verde lucente sopra, azzurognolo sotto. Molto attraente nella veste in primavera. Resiste alla siccità e vegeta bene nei terreni aridi, rocciosi, calcarei.

l'abete del colorado a forma piramidale cono eretto con fogliame inclinato lungo verso l'apice dei rami, di colore intenso verde. Molto elegante è adatto per terreni permeabili.

POTATURA ROSA

Se si tratta di una rosa a cespuglio, basterà accorciare i rami nuovi cresciuti quest'anno e potarli ad una altezza di 20 cm. da dove nascono ed eliminare alla base i restanti rami vecchi dello scorso anno. Alla fine dell'intervento si troverà ad avere una rosa abbassata ad una altezza di 20/25 cm. con al massimo quattro cinque rami. A maggio sarà rinvigorita e carica di nuovi boccioli pronti a fiorire.

KALANCKOA BEHARENSIS

La particolarità di questa pianta sta nelle sue foglie: dure, grasse, di colore grigio argento, la sua chioma sembra quasi una scultura metallica futuristica. La “Kalanchoa Beharensis” fa parte della famiglia delle Crassulacee e proviene da zone tropicali. La sua coltivazione presenta numerose difficolta’, dal terriccio soffice per far attecchire le radici filiformi, ma non troppo umido per non rovinare la pianta, alla temperatura che in nessun caso deve scendere sotto i dieci gradi.
Possibili problemi sono dovute sopratutto all'acqua infatti le piante succulenti necessitano di poca acqua. L'ingiallimento delle foglie e la loro conseguente caduta sono segnale di sofferenza, nonostante che man mano la pianta cresce in altezza le foglie di sotto tendono a staccarsi. Le condizioni per uno sviluppo soddisfacente sono: moltissima luce (dalla primavera all'autunno meglio coltivarla fuori), un vaso sufficientemente capiente ed un terreno tendente al sabbioso assolutamente drenan…

VERDISSIMO

I lavori eseguiti nella realizzazione del tappeto erboso influenzano positivamente o negativamente il buon andamento della crescita del nostro prato. Non possiamo trascurare i fattori ambientali quali la temperatura, l'umidità relativa, l'irrigazione, il vento e la luce che possono influenzare l'andamento fitosanitario del tappeto erboso.Il taglio o sfalcio agevola sicuramente l'instaurarsi di malattie fungine causa le ferite procurate dal taglio.La concimazione ha un ruolo determinante, perché se praticata con perizia, rende il tappeto più resistente agli attacchi dei patogeni, infatti l'uso di concimi a cessione programmata riducono sensibilmente l'incidenza della Sclerotinia homeocarpa su Agrostis.
Resta il fatto che l'uso di concimi troppo azotati aumen…

CRISANTEMO SPIDER

Crisantemo spider

CRISANTEMO SNODO

Crisantemo Snodo detto anche a crisantemo a palla il fiore più rustico nella coltivazione dei fiori recisi. La sua durata può variare dai 15 ai 20 giorni tra temperature comprese dai 5 ai 28 gradi

NELLE PIANTE e NEI FIORI SI USA L'ASPIRINA

L'acido acetilsalicilico, principio attivo dell'Aspirina, è prodotto dalle piante per formare una specie di scudo attorno a parti attaccate da infezioni o parassiti l'acido salicilico è risultato di una reazione fra una particolare proteina e il metilsalicilato, secreto dalle piante come stimolo per attivare e potenziare il loro sistema di difesa.
Il metilsalicilato è contenuto per esempio nelle betulaceae


BOTTONIERA A FARFALLA

Orchidea dendrobium

OTTOBRE : lavori e raccolti in giardino e nell'orto

Ottobre

Eccoci ai lavori da fare nel mese di Ottobre e iniziamo subito con la raccolta del mese
ORTO : basilico, bietole, cardo, carota, cavoli, fagiolo, fagiolino. invidia, lattuga,melanzana, peperone, pomodoro, porro, prezzemolo, radicchi, scarola, ravanello, spinacio, sedano, valerianella, zucchina, zucca.

Con luna calante

Nell'orto
semina a dimora all'aperto lattuga, spinacio, valerianella
trapianto all'aperto cipolla, aglio
lavori concimare con letame le aiuole pronte a ospitare le nuove semine

Nel giardino
potare gli alberi che hanno terminato di fiorire ibisco, lantana, fucsia, nei climi soggetti a gelate rimandare in primavera
asportare i bulbi delle bulbose, i bulbi si lasciano asciugare in ambiente riparato si puliscono e si mettono in cassette con torba e sabbia

Con luna crescente
Nell'orto
riproduzione per divisione di piante aromatiche

Nel giardino
seminare in cassetta piante annuali da mettere a dimora a fine inverno, seminare i tappetti erbosi
mettere a dimora all'a…

PLATYCERIUM

La felce più bella in circolazione dalle foglie che ricordano le corna dell'alce.
Della famiglia delle polipodiacee e originaria dell'Africa, Asia, Australia.
Le 18 specie di felci Platycerium sono epifite, crescono naturalmente sulla ruvida corteccia d'albero rami. Sono caratterizzate da grandi foglie, appiattite biforcate o triforcate che sembrano eruttare dalle loro basi in tutte le direzioni.



Cultura
Le radici della felci sono solo per attaccamento. Le foglie di felci sono coperte con piccole scale di grigi che possono apparire come polvere; queste servono a limitare l'evaporazione

Luce: Ama stare in condizioni di luce brillante, ma non diretta del sole.

I Platycerium sono coltivati su corteccia dall'alberi, di solito in contenitori appesi o montati su parete . In Florida sono spesso coltivate in contenitori sospesi sotto un grande albero, dove possono crescere di enormi dimensioni.

Caratteristiche
Questa felce ha bisogno di una buona luce ed di una temperatura …

COMPOSIZIONE ORTAGGI

Composizione di gerbere, cavoli, carciofi, peperoncini e san carlino