Passa ai contenuti principali

OTTOBRE, PRIMO MESE DI....PRIMAVERA:

Un ottobre come l'anno scorso, estate torrida, temperature infuocate per un lasso di tempo infinito che avevano stremato alberi e cespugli. Era stato interessante, gironzolando in giardino, prendere nota di che se la era cavata. Prunus aveva mantenuto smeraldine le foglie, non solo: ne aveva generate di nuove, nello stesso periodo in cui gli altri ciliegi ingiallivano, mentre l'ippocatano era bruciacchiato del tutto. Languivano i Cornus, alcuni con le foglie curiosamente secche a metà, pativa il Populus, spoglio a metà agosto, ma che però, già a settembre, aveva gonfiato le gemme come a primavera emanando, come allora, una fragranza deliziosa. Dalle gemme gonfie e resinose si erano poi svolte le foglioline, che a ottobre erano grandicelle, quasi fosse maggio. Altri ancora decisi a rifarsi delle ristrettezze patite dall'estate, il Lilla aveva abbandonato le foglie stanche e imbronciare per aprirne di nuove, roride e sintouse. Il Sambuco era fresco fino all'ultima frangia, stanchi di starsene col fiato corto da asmatico, volevano di nuovo respirare a pieni polmoni, e pazienza se queste ultime boccate d'aria prima del freddo sarebbero costate la fatica, ma anche l'entusiamso, di una seconda espressione di foglie. Ora che si sta tanto bene, con questa aria frizzante e tiepida a un tempo, che goduria. Facciamo come fosse di nuovo primavera, si saranno detti, chissà non sia davvero cosi magari l'inverno nemmeno ci sarà, vallo a sapere. E cosi era stata una stagione curiosa, da sembrare fatta apposta per convalidare la tesi di Karol Capek: il primo mese di primavera è l'ottobre. Perché avvengono adesso gemmazione e germogliazione, perché si interrano adesso i bulbi che fioriranno a primavera e che quindi, a rigore, inizia quando se ne pone la prima pietra o bulbo che dir si voglia. In una stagione che nel vecchio calendario segnava l'inzio del nuovo anno.
(Pia)

Commenti

Post popolari in questo blog

ANTHURIUM A 360 GRADI

Come pianta da camera, negli ultimi anni l'Anthurium ha subito uno sviluppo profondo, sia in termini di struttura, dimensioni del vaso, durata, che di colore, forma e dimensioni del fiore.
Per questo l'Anthurium da vaso si è sviluppato fino a diventare una pianta adatta a qualsiasi ambiente, da un locale arredato in stile moderno a uno classico, da un ambiente di lavoro a uno domestico.

Consigli per la cura: Molta luce, ma non sole diretto;Temperatura ambiente (non sotto i 17°C);Annaffiare due volte alla settimana (più o meno 250 ml di acqua tiepida);Concimare ogni tre settimane. Importante annaffiare uniformemente e con regolarità (non lasciare mai seccare troppo la pianta, e nemmeno annaffiare troppo)
Non annaffiate troppo (troppa acqua danneggia le radici. Le foglie diventano gialle invece che verdi). Non annaffiare poco (troppo poca acqua frena la crescita e lo sviluppo dei fiori nuovi).


Le macchie marroni sulla foglia dell’Anthurium possono avere diverse cause:
terreno troppo…

CICLAMINO FAQ

Dove sistemare i ciclamini, in casa o sul terrazzo? Quali sono le posizioni da evitare ?Sistemate i ciclamini in un locale luminoso, ma al riparo dal calore.
Il ciclamino in vaso ha bisogno di luce, e va protetto dai raggi solari diretti. Preferisce ambienti freschi. Per prolungarne la fioritura, potrete sistemarlo nel soggiorno, vicino ad una finestra, preferibilmente non orientata a sud e, soprattutto, lontano dai radiatori. Stanze fresche, camere da letto, ingressi o vani delle scale rappresentano spesso ambienti ideali per il ciclamino. Per conservare più a lungo la vostra pianta, potrete anche metterla fuori, di notte, scegliendo un adeguato riparo nelle regioni più fredde. Infine, sulla vostra veranda, il ciclamino si troverà come nella serra dell’orticoltore.
Come va innaffiato il ciclamino ?1) Potrete annaffiare il ciclamino dall’alto, con un innaffiatoio a collo lungo, sul bordo del vaso, evitando di bagnare il bulbo situato al centro della pianta. Basta innaffiarlo …

LA MIGLIORE STAGIONE DELLE ORTENSIE

La stagione ideale per piantare le ortensie è la primavera, quando non vi sia più pericolo di gelate o l’autunno, nei climi più caldi. Evitare comunque di piantare in una giornata particolarmente rigida o di vento freddo. La condizione migliore è quando, dopo la pioggia, il terreno è friabile e umido.
La buca va scavata di dimensione doppia, sia in larghezza che in profondità, della zolla da piantare. Deporre sul fondo dello stallatico ben maturo o del composto. Riempire con la terra dello scavo, alla quale si sarà aggiunto sabbia o composto di foglie, per aiutare la ritenzione dell’acqua. Bagnare abbondantemente. Una buona pacciamatura, attorno alla pianta, aiuterà a mantenere l’umidità desiderata. Controllare, nei giorni successivi, se la pianta dà segni di sete: in quel caso bagnare copiosamente. Se si pianta l’ortensia in mezzo al prato, lasciare un anello di terra nuda attorno al piede del cespuglio, perché le sue radici non soffrano la concorrenza di quelle dell’erba. Man mano ch…