Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da ottobre 24, 2010

BOUQUET DALLE TRAME SETTEMBRINE

Ecco una composizione che aggiunge il massimo del fascino al vestito della sposa. Il tocco interessante è fornito dalla sfera spugnosa, caratterizzata da un cordino rosa di due metri con larghe strisce bianche luminosissime.
Il Bouquet a sfera è un bouquet eccezionale per la sua estrema leggerezza e per la struttura flessuosa dove vengono inseriti piccoli fiori, in questa caso rose che sbocciano praticamente quasi tutto l'anno ma che danno la migliore resa a settembre. Ideale per creare un matrimonio in chiave moderna dove trasparenza e luminosità si mescolano per dare un tocco chic all'intero evento, utilizzando i fiori di stagione come le alstroemerie, le dalie e rose. Non importano tanto gli ingredienti dei fiori scelti quanto l'obiettivo da raggiungere, quindi stupire quanto più possibile lo sposo e gli invitati da forme e colori apparentemente inusuali. Quasi dimenticavo nel creare la composizione stilare un elenco dei fiori scelti in modo che le fioriture ci siano nel…

I COLORI DEL BOUQUET AUTUNNALE

Nonostante la scorza coriacea esterna che protegge la struttura del frutto, giallo verde e spugnoso, la Protea al centro di questo bouquet affascina sempre. Il suo aspetto verde lucente tra le foglie lanceolate dell'Eucalipto, dell'Edera, della Bovardia e della rosa Caffè ne risaltano ancor di più quando il carattere autunnale. I fiori in ottobre e novembre non mancano certo di fascino, i colori sono gli stessi di quelli che nascono spontanei nel campo vicino a casa. Uno degli aspetti da considerare nel comporre un bouquet da sposa nel periodo autunnale è la varietà stagionale. Occorre quindi scegliere la specie arbustiva in modo da garantire un fogliame interesante.

SOLO DAVANTI ALLA FINESTRA

Ogni bulbo va piantato in un vaso largo di sei otto centimetri della sua circoferenza. Anche l'Amarillo cresce meglio se le sue radici sono raccolte e quindi è bene che ciascun bulbo abbia un suo vaso. Potete disporre in contenitori l'uno accanto all'altro se volete formando una piccola siepe fiorita. E' importante che sul fondo del vaso ci sia un pezzo di coccio a coprire "non otturare" il foro di scolo dell'acqua. Il bulbo va immerso a metà nelle terra, il migliore è quello sciolto, ben drenato, formato da una parte di terriccio da vaso e una di sabbia. Il vaso deve essere collocato in un luogo caldo: l'ideale è che possa ricevere calore dal basso, un buon posto è davanti alla finestra. Il bulbo va bagnato poco finché il bocciolo si sarà aperto. Dopo, le innaffiature dovranno essere regolari, fatta direttamente nella terra, evitando di mettere l'acqua nel solito piattino sotto il vaso. Per prolungare la fioritura "che durerò fino a un mese&…

QUANDO POTARE I MELOGRANI

Pianta mediterranea per eccellenza, il melograno assume l'aspetto arboreo solo con adulta. Si mette a dimora in primavera in un terreno fertile e sciolto, privo di ristagni idrici. Fiorisce nel periodo estivo e inizia a frutticare a Settembre solo sui rami di un anno di vita. Generalmente sino al settimo / ottavo anno non si pota e viene lasciato crescere libero, successivamente, per mantenere ordinata la pianta e stimolarne la produzione di frutti, in primavera si tolgono i rami che hanno fruttificato l'anno precedente. Per non dimenticarsi dei rami sui quali la pianta ha portato il frutto conviene sempre legare una raphia o una stoffa. Vanno tolti tutti i rami secchi e malformati e soprattutto i polloni alla base della pianta, ovvero quei germogli che emergono attorno al colletto e che sottraggono importanti energie nutritive, senza produrre alcun frutto.

FACCIAMO SUPERARE ALL'IMPATIENS LE INSIDIE DEL FREDDO

L'impatiens è una pianta perenne generalmente trattata come annuale. Per superare il fresso a metà novembre bisogna estirpare la pianta con l'intera zolla dalla terra, avendo l'accortezza di accorciare leggermente le radici aggiungendo un pò di terriccio ricco e ben concimato. Collacate il vaso in piena luce, vicino alla finestra annaffiandolo regolarmente a concimate tre volte al mese, potrete godere di un ulteriore fioritura invernale. Tenete però presente che queste piante tendono per natura a filare se vengono mantenute in un ambiente troppo caldo. In primavera i rami eventualmente cresciuti andranno leggermente potati, attivando cosi la ripresa vegetativa dell'intera pianta riconoscibilissima attraversi l'emmessione di nuove foglie. Per sicurezza effettuate una lenta e progressiva esposizione al sole, onde evitare scottature e distribuite il concime. Sempre verso la fine di Ottobre è il momento giusto per preparare le fioriere esterne con i bulbi a fioritura …