Passa ai contenuti principali

IL CAFFE' FA BENE ALLE PIANTE?


I fondi di caffè che sono una sostanza organica non fanno male alle piante ma tendono a compattare il terreno provocando disagi alle esemplari coltivati in vaso, visto che vengono spesso distribuiti in superficie. Distribuiti invece lungo una siepe o aggiunti prima di una vangatura, non causano questo incoveniente dal momento che non apportano benefici è più conveniente usare un buon concime organico una volta all'anno. Quella del caffè è una pianta fruticosa appartenente al genere Coffea arabica, famiglia rubiacee, ordine rubiali, classe dicotiledoni, divisione angiosperme. E’ un arbusto alto fino a 7-8 metri (ma nelle coltivazioni lo si mantiene ad un’altezza non superiore ai 2,5 metri per facilitarne la raccolta dei frutti). Ha foglie opposte, appuntite e persistenti; i fiori, riuniti in grappoli ascellari, sono bianchi e profumati; il frutto, detto anche ciliegia, è una drupa rossa contenente due semi verdognoli piano-convessi con un solco longitudinale sulla faccia piana (in figura a destra dei semi dopo la lavorazione, in figura a sinistra un esempio di pianta di caffè, sotto esempi di fiori di caffè) e avvolti da una membrana coriacea detta pergamino. Il frutto matura dopo circa 6-7 mesi, durante i quali cambia man mano colore, passando dal verde chiaro al rosso e quindi al cremisi.
A seconda di come si presenta, il caffè si distingue in caffè in frutto o in ciliegia (frutti interi essiccati); caffè pergamentato (grani coperti dal pergamino); caffè decortificato o in seme (che può essere pellicolato se coperto da una pellicola argentea o nudo se completamente pulito). Tra i caffè aromatici il più pregiato è il Moka che presenta chicchi piccoli, grigio giallastri; tra i caffè forti si distinguono il Portorico con grani allungati di colore verde più o meno cupo, il Giamaica, il Costarica. Meno pregiati ed usati per le miscele sono il Brasile, il Santos, il Giova ecc.
Di solito il caffè è sottoposto a numerose sofisticazioni tra cui l’aggiunta di grani variati, aggiunta di sostanze estranee e sostituenti. Esiste anche caffè artificiale fatto di pasta di fagioli o altri legumi, colorato artificialmente ma facilmente riconoscibile perché a differenza di quello tostato non galleggia sull’acqua. Le piante di caffè per crescere hanno bisogno di suoli ricchi e umidi, in grado di assorbire velocemente l'acqua, ma anche capaci di consentire un rapido drenaggio dell'acqua in eccesso. Inoltre la pianta di caffè è poco resistente al gelo, infatti spesso è coltivata ai tropici, in aree caratterizzate da un clima fresco e con temperature comprese tra 13 e 26 °C ad un'altitudine compresa tra 0 e 1800 m sul livello del mare. I semi vengono piantati direttamente nel terreno in questione ma spesso ciò avviene in appositi semenzai, dai quali le piante appena nate vengono successivamente poste a dimora nelle piantagioni vere e proprie.
Il periodo di produttività della pianta inizia ai 5 anni di vita e dura anche per 15-20 anni. Da Ogni pianta si può raccogliere fino a 0,5 kg di caffè all'anno (è da notare che in alcuni casi sono stati registrati dei raccolti record di 1,5 kg a pianta). I semi di solito vengono raccolti utilizzando due procedure: raccolta di semi a mano e selezione successiva, raccolta dopo aver scosso le piante.

Commenti

Post popolari in questo blog

ANTHURIUM A 360 GRADI

Come pianta da camera, negli ultimi anni l'Anthurium ha subito uno sviluppo profondo, sia in termini di struttura, dimensioni del vaso, durata, che di colore, forma e dimensioni del fiore.
Per questo l'Anthurium da vaso si è sviluppato fino a diventare una pianta adatta a qualsiasi ambiente, da un locale arredato in stile moderno a uno classico, da un ambiente di lavoro a uno domestico.

Consigli per la cura: Molta luce, ma non sole diretto;Temperatura ambiente (non sotto i 17°C);Annaffiare due volte alla settimana (più o meno 250 ml di acqua tiepida);Concimare ogni tre settimane. Importante annaffiare uniformemente e con regolarità (non lasciare mai seccare troppo la pianta, e nemmeno annaffiare troppo)
Non annaffiate troppo (troppa acqua danneggia le radici. Le foglie diventano gialle invece che verdi). Non annaffiare poco (troppo poca acqua frena la crescita e lo sviluppo dei fiori nuovi).


Le macchie marroni sulla foglia dell’Anthurium possono avere diverse cause:
terreno troppo…

CICLAMINO FAQ

Dove sistemare i ciclamini, in casa o sul terrazzo? Quali sono le posizioni da evitare ?Sistemate i ciclamini in un locale luminoso, ma al riparo dal calore.
Il ciclamino in vaso ha bisogno di luce, e va protetto dai raggi solari diretti. Preferisce ambienti freschi. Per prolungarne la fioritura, potrete sistemarlo nel soggiorno, vicino ad una finestra, preferibilmente non orientata a sud e, soprattutto, lontano dai radiatori. Stanze fresche, camere da letto, ingressi o vani delle scale rappresentano spesso ambienti ideali per il ciclamino. Per conservare più a lungo la vostra pianta, potrete anche metterla fuori, di notte, scegliendo un adeguato riparo nelle regioni più fredde. Infine, sulla vostra veranda, il ciclamino si troverà come nella serra dell’orticoltore.
Come va innaffiato il ciclamino ?1) Potrete annaffiare il ciclamino dall’alto, con un innaffiatoio a collo lungo, sul bordo del vaso, evitando di bagnare il bulbo situato al centro della pianta. Basta innaffiarlo …

LA MIGLIORE STAGIONE DELLE ORTENSIE

La stagione ideale per piantare le ortensie è la primavera, quando non vi sia più pericolo di gelate o l’autunno, nei climi più caldi. Evitare comunque di piantare in una giornata particolarmente rigida o di vento freddo. La condizione migliore è quando, dopo la pioggia, il terreno è friabile e umido.
La buca va scavata di dimensione doppia, sia in larghezza che in profondità, della zolla da piantare. Deporre sul fondo dello stallatico ben maturo o del composto. Riempire con la terra dello scavo, alla quale si sarà aggiunto sabbia o composto di foglie, per aiutare la ritenzione dell’acqua. Bagnare abbondantemente. Una buona pacciamatura, attorno alla pianta, aiuterà a mantenere l’umidità desiderata. Controllare, nei giorni successivi, se la pianta dà segni di sete: in quel caso bagnare copiosamente. Se si pianta l’ortensia in mezzo al prato, lasciare un anello di terra nuda attorno al piede del cespuglio, perché le sue radici non soffrano la concorrenza di quelle dell’erba. Man mano ch…