martedì 12 aprile 2011

IL GERANIO MACRANTA

I gerani macranta sono ancora poco fioriti, ma le foglie riescono lo stesso a sprigionare uno splendido profumo, molto gradevole per noi un po meno per gli insetti che si espande nell’aria non appena ci avviciniamo alla pianta. Una caratteristica comune a tutti i gerani, anzi a tutte le specie appartenenti alla loro famiglia, è la presenza di particolari profumi usati per l'estrazione di terpeni, sostanze che conferiscono a ogni fiore o pianta un caratteristico odore o aroma. Il primo geranio che fiorisce con la primavera riportando il colore e la gioia della natura. Ed è proprio per la precocità della fioritura che questa piante viene apprezzata, tanto da essere diffusa in ogni terrazzo. Come protagoniste dei mesi primaverili ed estivi sono disponibili molte varietà, impreziositi da numerosi petali arrotondati o increspati disposti simmetricamente in una sfera, nella tipica formazione del geranio. L'impatto ornamentale dei macranta si protrae per tutta l'estate imitando il vigore vegetativo e la generosa dote fiorifera di tutti i gerani. Per avere piante belle, vigorose, dal bel fogliame, rifiorenti, sono necessarie qualche cura e molta attenzione. I gerani hanno bisogno di un buon terriccio da giardino, ben concimato, leggermente acido. Di fondamentale importanza è il drenaggio; il ristagno d’acqua infatti provoca alle radici ed al colletto marciumi che ben presto provocano morte e deperimento. Nonostante siano piante di ambienti caldi, e abbastanza resistenti all’aridità, è opportuno, soprattutto in estate, non essere avari con le irrigazioni. È bene concimare periodicamente, ogni 15-20 giorni, con concimi liquidi o con un buon concime ternario, sempre nel periodo di piena vegetazione. Per quanto riguarda l’esposizione, alcuni sostengono che i pelargoni vanno posti in pieno sole. L’esperienza fa però rilevare che i migliori risultati si hanno a mezz’ombra, dove si ottengono esemplari bellissimi sia per il portamento che per la brillantezza e l’intensità dei colori, delle foglie e dei fiori.

0 Comments: