Passa ai contenuti principali

ALL'OMBRA COME IN UN BOSCO


Il gruppo delle primule annovera numerose varietà di ogni colore, in natura sono piante perenni ma gli ibridi orticoli sono coltivabili come biennali. Potete seminarle oppure acquistarle piccole piccole piantine in negozio e nei vivai: fioriranno fino ad Aprile. Le primule auricole (orecchia d'orso), può durare sino a Maggio, mentre le elatior e la farinosa, hanno fioriture più brevi. Il terreno come per tutte le piante annuali deve essere soffice, umido e ricco di humus per favorire la germinazione. Vanno sistemate a mezz'0mbra, senza il contatto con il sole che le disidrata molto velocemente. Continueranno a rifiorire copiosamente se avrete l'accortezza di annaffiarle due volte alla settimana asportando le infiorescenze appassite. Nel periodo estivo la Primula si innaffia regolarmente in modo che il terreno rimanga sempre umido, senza esagerare. Una irrigazione costante, specialmente quando la pianta è in fiore, è importantissima. Attenzione ai ristagni idrici che non sono in alcun modo tollerati, intorno alla pianta è bene creare una certa umidità. Per crearla è sufficiente disporre i vasetti su uno strato di ghiaia bagnata (facendo in modo che il fondo del vaso non sia a contatto con l'acqua).
Si usa un concime liquido, opportunamente diluito nell’acqua d’irrigazione, ogni 15 dal momento in cui iniziano a formarsi i germogli e per tutta la fioritura utilizzando un concime che abbia un titolo più elevato in Potassio e Fosforo che favoriscono la fioritura. Pertanto, quando comprate un concime, accertatevipertanto che oltre ad avere i cosiddetti "macro elementi" quali Azoto (N), Fosforo (P) e Potassio (K) e che tra questi il Potassio ed il Fosforo siano in "maggiore quantità" che abbia anche i "microelementi" quali il Ferro Fe, il Manganese , il Rame , lo Zinco.
Le primula si rinvasano ogni due anni, preferibilmente in autunno poco prima del loro inizio di intensa attività vegetativa in un buon terreno leggero, ricco di sostanza organica, mischiato con un po' di sabbia grossolana, a reazione leggermente acida. Non tollera terreni alcalini. E' importante che il terreno favorisca il rapido sgrondo delle acqua in eccesso in quanto non tollerano i ristagni idrici. Si usano vasi via via di dimensioni più grandi fino ad un massimo di 15-20 cm. Se la pianta è diventata troppo grande per queste dimensioni, allora è opportuno dividerla e si piantano le due piantine in due vasi separati. E' importante non disturbare le radici durante l'operazione di travaso in quanto le Primule non amano essere disturbate. Bisogna prendere la pianta con tutto il suo pane di terra e tal quale va riposto nel nuovo vaso e si aggiunge semplicemente la nuova terra negli spazi vuoti. Durante l'operazione di rinvaso si eliminano le foglie morte o ingiallite e gradatamente si riprendono le irrigazioni per stimolare la ripresa vegetativa della pianta. Nella maggior parte delle specie la fioritura della Primula termina nella tarda primavera anche se ci sono alcune specie come la Primula obconica che spesso fiorisce anche d'estate. E' importante che durante la fioritura la temperatura non superi i 16°C in quanto diversamente il periodi di fioritura si accorcerà sensibilmente. Non appena la pianta sfiorisce vanno trasferite all'aperto perché in questo modo la fioritura può riprendere.

Commenti

Post popolari in questo blog

ANTHURIUM A 360 GRADI

Come pianta da camera, negli ultimi anni l'Anthurium ha subito uno sviluppo profondo, sia in termini di struttura, dimensioni del vaso, durata, che di colore, forma e dimensioni del fiore.
Per questo l'Anthurium da vaso si è sviluppato fino a diventare una pianta adatta a qualsiasi ambiente, da un locale arredato in stile moderno a uno classico, da un ambiente di lavoro a uno domestico.

Consigli per la cura: Molta luce, ma non sole diretto;Temperatura ambiente (non sotto i 17°C);Annaffiare due volte alla settimana (più o meno 250 ml di acqua tiepida);Concimare ogni tre settimane. Importante annaffiare uniformemente e con regolarità (non lasciare mai seccare troppo la pianta, e nemmeno annaffiare troppo)
Non annaffiate troppo (troppa acqua danneggia le radici. Le foglie diventano gialle invece che verdi). Non annaffiare poco (troppo poca acqua frena la crescita e lo sviluppo dei fiori nuovi).


Le macchie marroni sulla foglia dell’Anthurium possono avere diverse cause:
terreno troppo…

CICLAMINO FAQ

Dove sistemare i ciclamini, in casa o sul terrazzo? Quali sono le posizioni da evitare ?Sistemate i ciclamini in un locale luminoso, ma al riparo dal calore.
Il ciclamino in vaso ha bisogno di luce, e va protetto dai raggi solari diretti. Preferisce ambienti freschi. Per prolungarne la fioritura, potrete sistemarlo nel soggiorno, vicino ad una finestra, preferibilmente non orientata a sud e, soprattutto, lontano dai radiatori. Stanze fresche, camere da letto, ingressi o vani delle scale rappresentano spesso ambienti ideali per il ciclamino. Per conservare più a lungo la vostra pianta, potrete anche metterla fuori, di notte, scegliendo un adeguato riparo nelle regioni più fredde. Infine, sulla vostra veranda, il ciclamino si troverà come nella serra dell’orticoltore.
Come va innaffiato il ciclamino ?1) Potrete annaffiare il ciclamino dall’alto, con un innaffiatoio a collo lungo, sul bordo del vaso, evitando di bagnare il bulbo situato al centro della pianta. Basta innaffiarlo …

LA MIGLIORE STAGIONE DELLE ORTENSIE

La stagione ideale per piantare le ortensie è la primavera, quando non vi sia più pericolo di gelate o l’autunno, nei climi più caldi. Evitare comunque di piantare in una giornata particolarmente rigida o di vento freddo. La condizione migliore è quando, dopo la pioggia, il terreno è friabile e umido.
La buca va scavata di dimensione doppia, sia in larghezza che in profondità, della zolla da piantare. Deporre sul fondo dello stallatico ben maturo o del composto. Riempire con la terra dello scavo, alla quale si sarà aggiunto sabbia o composto di foglie, per aiutare la ritenzione dell’acqua. Bagnare abbondantemente. Una buona pacciamatura, attorno alla pianta, aiuterà a mantenere l’umidità desiderata. Controllare, nei giorni successivi, se la pianta dà segni di sete: in quel caso bagnare copiosamente. Se si pianta l’ortensia in mezzo al prato, lasciare un anello di terra nuda attorno al piede del cespuglio, perché le sue radici non soffrano la concorrenza di quelle dell’erba. Man mano ch…