Passa ai contenuti principali

I TRADIZIONALI COLORI NATALIZI DELLA SKIMMIA JAPONICA

foto.
Per dare una pennellata di colore ai nostri spazi verdi esterni c’è una vasta scelta di piccoli arbusti. Protagonista di questo mese è la Skimmia, che riunisce in sé i tradizionali colori natalizi e rappresenta un fantastico regalo, che trasmette vitalità per molti mesi. Festeggiate il Natale in allegria sistemando uno o più esemplari, in un bel vaso rosso, all’ingresso di casa e ufficio, e decorando la porta con un mazzolino di rametti che tagliate direttamente dalla pianta!
La Skimmia è un arbusto sempreverde capace di sopportare le gelate invernali ed, essendo originariamente una pianta boschiva, ama una posizione a mezz’ombra. E’ ottima per camuffare i piedi spogli dei rododendri e per la formazione di siepi morbide, anche per delimitare il vialetto in giardino. A seconda della specie e della varietà, non supera altezze di 80-100 cm. Molto usata in aiuola, nei giardini rocciosi e di erica, è ideale anche per la coltivazione in vaso sul balcone, in cortile e sotto il portico. n primavera tutte le Skimmie regalano una copiosa fioritura dal delizioso profumo, simile al mughetto. Ma non tutte producono automaticamente le bacche in autunno. La specie più diffusa, la S. japonica, è una pianta dioica, ossia ci vuole almeno un esemplare maschile per impollinare le piante femminili, che dall’autunno fino a primavera inoltrata si ricoprono di bacche globose, di colore rosso vivo, per cui la japonica volgarmente è anche chiamata falso pepe. Attenzione: le bacche sono velenose, persino gli uccelli le trovano troppo belle da mangiare! La Skimmia japonica ‘Rubella’ è un tipico esempio di pianta maschile. In inverno i boccioli di questo arbusto si tingono di rosso carminio intenso e, in primavera, nascono i fiori a pannocchia di colore avorio, che si accosta perfettamente ai colori dei narcisi o di altre bulbose primaverili.

La Skimmia reeversiana deve il nome a John Reeves che, a metà dell’Ottocento, era ispettore capo delle piantagioni di tè in Asia per la Compagnia delle Indie orientali. Noto ai cinesi come li Shi – The Chief (il Capo), era un appassionato ricercatore botanico e ha introdotto vari generi di piante in Occidente, tra cui la S. reevesiana. Questa specie è ermafrodita e quindi fa tutto da sé; non necessita di piante maschili per produrre fitti grappoli di bacche, di un bel colore cremisi. In primavera inoltrata sfoggia una ricca fioritura bianco crema.
Sono in vendita parecchie varietà di Skimmia a fioritura bianca, crema o rosa. Hanno la crescita lenta e resistono alle malattie. Alcune hanno il portamento compatto o mantengono una forma quasi nana. Sia le bacche sia i fiori sono molto richiesti nei bouquet autunnali e primaverili. La Skimmia ripaga ampiamente il suo prezzo d’acquisto per il grande valore ornamentale, in continua trasformazione. Maschio, femmina o ermafrodita che sia, non importa perché rappresenta sempre un gran bel regalo da fare a sé stessi e ad altri!

Cure
La Skimmia ama una posizione ombreggiata e un terreno drenato, neutro o leggermente acido, e ricco di humus. Resiste facilmente a temperature fino ai 15 °C sotto zero. Può raggiungere dimensioni piuttosto grandi. Le piante fioriscono sui rami di due anni. Al termine della fioritura, tra maggio e giugno, occorre potare metà di questi rami. Se eseguite questa operazione in inverno potete usare le talee per realizzare delle belle composizioni floreali. I rami potati ricresceranno e fioriranno l’anno successivo, quando occorre potare l’altra metà dei rami. In questo modo tenete sotto controllo la pianta.

Commenti

Post popolari in questo blog

ANTHURIUM A 360 GRADI

Come pianta da camera, negli ultimi anni l'Anthurium ha subito uno sviluppo profondo, sia in termini di struttura, dimensioni del vaso, durata, che di colore, forma e dimensioni del fiore.
Per questo l'Anthurium da vaso si è sviluppato fino a diventare una pianta adatta a qualsiasi ambiente, da un locale arredato in stile moderno a uno classico, da un ambiente di lavoro a uno domestico.

Consigli per la cura: Molta luce, ma non sole diretto;Temperatura ambiente (non sotto i 17°C);Annaffiare due volte alla settimana (più o meno 250 ml di acqua tiepida);Concimare ogni tre settimane. Importante annaffiare uniformemente e con regolarità (non lasciare mai seccare troppo la pianta, e nemmeno annaffiare troppo)
Non annaffiate troppo (troppa acqua danneggia le radici. Le foglie diventano gialle invece che verdi). Non annaffiare poco (troppo poca acqua frena la crescita e lo sviluppo dei fiori nuovi).


Le macchie marroni sulla foglia dell’Anthurium possono avere diverse cause:
terreno troppo…

CICLAMINO FAQ

Dove sistemare i ciclamini, in casa o sul terrazzo? Quali sono le posizioni da evitare ?Sistemate i ciclamini in un locale luminoso, ma al riparo dal calore.
Il ciclamino in vaso ha bisogno di luce, e va protetto dai raggi solari diretti. Preferisce ambienti freschi. Per prolungarne la fioritura, potrete sistemarlo nel soggiorno, vicino ad una finestra, preferibilmente non orientata a sud e, soprattutto, lontano dai radiatori. Stanze fresche, camere da letto, ingressi o vani delle scale rappresentano spesso ambienti ideali per il ciclamino. Per conservare più a lungo la vostra pianta, potrete anche metterla fuori, di notte, scegliendo un adeguato riparo nelle regioni più fredde. Infine, sulla vostra veranda, il ciclamino si troverà come nella serra dell’orticoltore.
Come va innaffiato il ciclamino ?1) Potrete annaffiare il ciclamino dall’alto, con un innaffiatoio a collo lungo, sul bordo del vaso, evitando di bagnare il bulbo situato al centro della pianta. Basta innaffiarlo …

LA MIGLIORE STAGIONE DELLE ORTENSIE

La stagione ideale per piantare le ortensie è la primavera, quando non vi sia più pericolo di gelate o l’autunno, nei climi più caldi. Evitare comunque di piantare in una giornata particolarmente rigida o di vento freddo. La condizione migliore è quando, dopo la pioggia, il terreno è friabile e umido.
La buca va scavata di dimensione doppia, sia in larghezza che in profondità, della zolla da piantare. Deporre sul fondo dello stallatico ben maturo o del composto. Riempire con la terra dello scavo, alla quale si sarà aggiunto sabbia o composto di foglie, per aiutare la ritenzione dell’acqua. Bagnare abbondantemente. Una buona pacciamatura, attorno alla pianta, aiuterà a mantenere l’umidità desiderata. Controllare, nei giorni successivi, se la pianta dà segni di sete: in quel caso bagnare copiosamente. Se si pianta l’ortensia in mezzo al prato, lasciare un anello di terra nuda attorno al piede del cespuglio, perché le sue radici non soffrano la concorrenza di quelle dell’erba. Man mano ch…