lunedì 9 agosto 2010

UN FIORE DECORATIVO E FACILE DA COLTIVARE


Il Lathyrus odoratus, più comunemente conosciuto come pisello odoroso, è soprannominato “Regina delle annuali”. E’ una pianta fiorita del genere Lathyrus della famiglia delle Fabaceae (leguminose), è originario del Mediterraneo delle regioni dalla Sicilia Est all’isola di Creta. Sebbene il pisello odoroso fosse coltivato fino dal 17mo secolo, per il colore e per il profumo, da cui il nome, raggiunse l’apice del successo verso la fine del 19mo secolo. Morfologicamente, un fiore singolo consiste in tre o quattro fiori (fioretti) su un singolo stelo e le varietà si possono classificare a tralci (rampicanti) o non. Nomi famosi sono collegati a questi fiori regali. Più di cento anni fa Henry Eckford ibridò e selezionò i piselli odorosi secondo le loro migliori caratteristiche e introdusse i rivoluzionati grandiflora. Molti suoi risultati sono ancora oggi disponibili commercialmente. I giardini di Earl of Spencer erano nello stesso tempo l’ambiente delle mutazioni, che diedero la nascita ai tipi multiflora Spencer con lo standard dei petali ondulati (petali superiori) e ad ala lunga (petali inferiori) Il primo originale pisello odoroso nano ‘Cupid’ è stato ibridato nel nuovo mondo uscito da uno sport da C.C. Morse della California e introdotto nel 1895 da W. Atlee Burpee. Un’altra varietà nana eretta ha avuto origine quasi nello stesso periodo in Europa ed è stata ibridata da Ernst Benary e Hust.
Questi fiori sono forse i più facili da coltivare in quanto sono piante perenni che non necessitano di sostegno e possono essere sistemati in ogni giardino. Ne esistono molte varietà ANNUALI e PERENNI ma vediamole nel dettaglio: il L.vernus, fiorisce all'inizio della primavera, seguito da un tumulto di fogliame decorativo verde a circa 40cm di altezza. Si presenta in diversi colori, rosa, bianco, giallo e il delizioso blu, seguito da L.aureus, con fiori giallo-mattone, e il L.venetus con interessanti fioriture viola. Di origine boschiva-selvativa, troviamo anche il L.laxiflorus il più adatto per il giardino roccioso, dove di colore malva e lavanda. Altrettanto facili da coltivare, ma richiedono il sopporto sono le piante perenni di LATHYRUS come L.latifolius, disponibile in diverse gradazioni di colore dal magenta profondo fino al rosa e bianco, ed è proprio' da questa varietà che si producono i fiori per il taglio, utilizzati per le composizioni ma soprattutto nei bouquet da SPOSA.
Le altre varietà di Lathurus molto conosciute sono il L.pubescens e il L.nervosus, entrambe provengono dal Sud America e hanno grandi fiori viola blu, e si differenziano per il loro fogliame. Una particolarità li contra distingue sono particolarmente profumati.

0 Comments: