Passa ai contenuti principali

IL DOLCE NUZIALE


(Editoriale Fiori&Foglie)
Il dolce nuziale si presenta generalmente su un espositore a tre o più piani: quasi sempre comprende pan di Spagna farcito di crema o cioccolato ed è ricoperto, e guarnito, con glassa di zucchero. Sempre di zucchero sono fatte le statuine che vengono poste al vertice, una raffigurazione abbastanza impersonale della coppia coinvolta. Ma, nel corso del tempo, sono nate mille varianti, una più golosa dell’altra.
La coppia formata da appassionati di leggende come Robin Hood, Santo Graal, Re Artù? Bene, eccovi 3 ripiani a forma di castello, con tanto di merli e torri di zucchero e, volendo, angioletti svolazzanti, guerrieri con armatura oppure con archi e frecce.
Se poi ci fosse anche una coppia che ama prendersi in giro, ecco quello che fa per loro: 2 ripiani di zucchero bianco a forma bombata con festoni di zucchero color malva. Se non vi piace il malva, si può fare anche in blu, con bellissime calle bianche. Al top, la sposa in abito bianco trascina verso l’altare, afferrandolo per la collottola, un povero sposo spossato e semisvenuto sul pavimento.
Siete tutti a dieta? Bene, cè anche la crostata nuziale con frutta fresca: 5 ripiani bordati da biscottini zuccherati posti in verticale, ricoperti di fragole freschissime e bordata da nastri di zucchero con immensi nodi damore.
A nessuno piace il dolce? Non ci credo, ma comunque cè una soluzione-dessert nuziale: 3 ripiani con forme di formaggio, sul quale vengono disposti, in bella mostra, frutti (o volendo, verdure) freschissimi.
Ci sono pochi soldini? Bene, eccovi la soluzione a forma di cascata. Fontane di cioccolato fuso tiepido, grandi ciotole con forchettina da fonduta e montagnole di frutta fresca tagliata a pezzetti. S’infilza la frutta, la si immerge nella cascata, e la si porta alla bocca.
Queste non sono che alcune delle soluzioni per gli sposi di oggi, che devono fare rigidamente i conti con la realtà ed il portafoglio. A meno che non si faccia un matrimonio in una cappella d’alta montagna, con sposi ed ospiti, nonchè sacerdote, in scarponi da roccia. Alla fine del rito, polenta, carbonata e grappa per tutti!
Allora buon matrimonio a tutti!

Commenti

Anonimo ha detto…
complimenti

Post popolari in questo blog

ANTHURIUM A 360 GRADI

Come pianta da camera, negli ultimi anni l'Anthurium ha subito uno sviluppo profondo, sia in termini di struttura, dimensioni del vaso, durata, che di colore, forma e dimensioni del fiore.
Per questo l'Anthurium da vaso si è sviluppato fino a diventare una pianta adatta a qualsiasi ambiente, da un locale arredato in stile moderno a uno classico, da un ambiente di lavoro a uno domestico.

Consigli per la cura: Molta luce, ma non sole diretto;Temperatura ambiente (non sotto i 17°C);Annaffiare due volte alla settimana (più o meno 250 ml di acqua tiepida);Concimare ogni tre settimane. Importante annaffiare uniformemente e con regolarità (non lasciare mai seccare troppo la pianta, e nemmeno annaffiare troppo)
Non annaffiate troppo (troppa acqua danneggia le radici. Le foglie diventano gialle invece che verdi). Non annaffiare poco (troppo poca acqua frena la crescita e lo sviluppo dei fiori nuovi).


Le macchie marroni sulla foglia dell’Anthurium possono avere diverse cause:
terreno troppo…

CICLAMINO FAQ

Dove sistemare i ciclamini, in casa o sul terrazzo? Quali sono le posizioni da evitare ?Sistemate i ciclamini in un locale luminoso, ma al riparo dal calore.
Il ciclamino in vaso ha bisogno di luce, e va protetto dai raggi solari diretti. Preferisce ambienti freschi. Per prolungarne la fioritura, potrete sistemarlo nel soggiorno, vicino ad una finestra, preferibilmente non orientata a sud e, soprattutto, lontano dai radiatori. Stanze fresche, camere da letto, ingressi o vani delle scale rappresentano spesso ambienti ideali per il ciclamino. Per conservare più a lungo la vostra pianta, potrete anche metterla fuori, di notte, scegliendo un adeguato riparo nelle regioni più fredde. Infine, sulla vostra veranda, il ciclamino si troverà come nella serra dell’orticoltore.
Come va innaffiato il ciclamino ?1) Potrete annaffiare il ciclamino dall’alto, con un innaffiatoio a collo lungo, sul bordo del vaso, evitando di bagnare il bulbo situato al centro della pianta. Basta innaffiarlo …

LA MIGLIORE STAGIONE DELLE ORTENSIE

La stagione ideale per piantare le ortensie è la primavera, quando non vi sia più pericolo di gelate o l’autunno, nei climi più caldi. Evitare comunque di piantare in una giornata particolarmente rigida o di vento freddo. La condizione migliore è quando, dopo la pioggia, il terreno è friabile e umido.
La buca va scavata di dimensione doppia, sia in larghezza che in profondità, della zolla da piantare. Deporre sul fondo dello stallatico ben maturo o del composto. Riempire con la terra dello scavo, alla quale si sarà aggiunto sabbia o composto di foglie, per aiutare la ritenzione dell’acqua. Bagnare abbondantemente. Una buona pacciamatura, attorno alla pianta, aiuterà a mantenere l’umidità desiderata. Controllare, nei giorni successivi, se la pianta dà segni di sete: in quel caso bagnare copiosamente. Se si pianta l’ortensia in mezzo al prato, lasciare un anello di terra nuda attorno al piede del cespuglio, perché le sue radici non soffrano la concorrenza di quelle dell’erba. Man mano ch…