Passa ai contenuti principali

SOSTA ALL'ECOGRILL



Tegole addio, il tetto degli autogrill del futuro avrà un soffice tappeto di HEDERA HELIX a foglia media. Non solo per far più bello l'edificio, ma sopratutto per renderlo più ecologico. Si chiama Ecogrill ed è stato inaugurato a Mensa di Ravenna. Il primo Autogrill a vocazione ecologica è costruito su criteri di risparmio energetico e impatto ambientale minimo. L'edificio a forma di collina il fabbricato e costituito da blocchi di polistirene espanso sinterizzato un materiale rigido, di peso ridotto, e molto luminoso perchè chiuso da ampie vetrate. Il tetto verde, che consente un eccelente isolamento termico con un risparmio energetico ridotte emissioni di CO2 e costi per il riscaldamento e il raffredamento che oscillano tra il 30 e il 50 per cento. Per la climatizzazione viene utilizzato un sistema geotermico che sfrutta il microclima del sottosuolo, ma l’attenzione per l’ambiente si legge anche nei minimi dettagli. Come il recupero di acqua piovana per l’irrigazione e le toilette e le fotocellule per ridurre gli sprechi idrici. Ma vediamo meglio da vicino questa pianta tappezzante l'HEDERA HELIX che ha anche il pregio di richiedere pochissima manutenzione e di crescere bene anche al sole. Il nome "Edera", ha origine, probabilmente, dalla radice Heud con il significato di "prendere" o di "attaccarsi"; l'epiteto specifico helix deriva dal greco helissein che significa "arrampicarsi". Sopportare senza problemi temperature minime anche molto rigide, di molti gradi inferiori allo zero. L'edera è nota come una pianta molto comune e sono nati attorno ad essa molti racconti anche maligni. E' una pianta molto speciale poiché ha una fase giovanile e una fase matura. Finché la pianta potrà arrampicarsi rimarrà nello stadio giovanile. Potandola regolarmente la pianta rimarrà in tale stadio. Ogni cultivar manterrà le proprie caratteristiche. Quando però i rami non trovano più una superficie sulla quale attecchire, viene raggiunto il limite di crescita e succede qualcosa di strano. La pianta cambia aspetto e butta virgulti laterali che, crescendo, possono diventare piuttosto cespugliosi. Le foglie assumono una sagoma a diamante e la pianta perde la capacità di produrre radici avventizie. Da quel momento in poi la pianta fiorirà ogni autunno. I fiori a palla, che vanno dal verde al giallo, consistono in effetti in tanti piccoli fiorellini. Il loro nettare è molto gradito ad api e farfalle. Dopo la fioritura si sviluppano piccoli frutti verdi che assumono d'inverno un'attraente tonalità nera. Se doveste prendere una talea da questa parte dell'edera non si trasformerebbe in un rampicante ma in un cespuglio. Le proprietà ereditarie sono cambiate. Questo fenomeno viene definito Hedera Helix 'Arborescens'. Potrete piantare questa pianta non rampicante nel vostro giardino o in un vaso come un cespuglio sempreverde. I rami che crescono lussureggianti ricchi di foglie di un verde tenero possono essere estremamente decorativi nei bouquet, particolarmente quando i frutti sono neri e maturi.

Commenti

Post popolari in questo blog

ANTHURIUM A 360 GRADI

Come pianta da camera, negli ultimi anni l'Anthurium ha subito uno sviluppo profondo, sia in termini di struttura, dimensioni del vaso, durata, che di colore, forma e dimensioni del fiore.
Per questo l'Anthurium da vaso si è sviluppato fino a diventare una pianta adatta a qualsiasi ambiente, da un locale arredato in stile moderno a uno classico, da un ambiente di lavoro a uno domestico.

Consigli per la cura: Molta luce, ma non sole diretto;Temperatura ambiente (non sotto i 17°C);Annaffiare due volte alla settimana (più o meno 250 ml di acqua tiepida);Concimare ogni tre settimane. Importante annaffiare uniformemente e con regolarità (non lasciare mai seccare troppo la pianta, e nemmeno annaffiare troppo)
Non annaffiate troppo (troppa acqua danneggia le radici. Le foglie diventano gialle invece che verdi). Non annaffiare poco (troppo poca acqua frena la crescita e lo sviluppo dei fiori nuovi).


Le macchie marroni sulla foglia dell’Anthurium possono avere diverse cause:
terreno troppo…

CICLAMINO FAQ

Dove sistemare i ciclamini, in casa o sul terrazzo? Quali sono le posizioni da evitare ?Sistemate i ciclamini in un locale luminoso, ma al riparo dal calore.
Il ciclamino in vaso ha bisogno di luce, e va protetto dai raggi solari diretti. Preferisce ambienti freschi. Per prolungarne la fioritura, potrete sistemarlo nel soggiorno, vicino ad una finestra, preferibilmente non orientata a sud e, soprattutto, lontano dai radiatori. Stanze fresche, camere da letto, ingressi o vani delle scale rappresentano spesso ambienti ideali per il ciclamino. Per conservare più a lungo la vostra pianta, potrete anche metterla fuori, di notte, scegliendo un adeguato riparo nelle regioni più fredde. Infine, sulla vostra veranda, il ciclamino si troverà come nella serra dell’orticoltore.
Come va innaffiato il ciclamino ?1) Potrete annaffiare il ciclamino dall’alto, con un innaffiatoio a collo lungo, sul bordo del vaso, evitando di bagnare il bulbo situato al centro della pianta. Basta innaffiarlo …

LA MIGLIORE STAGIONE DELLE ORTENSIE

La stagione ideale per piantare le ortensie è la primavera, quando non vi sia più pericolo di gelate o l’autunno, nei climi più caldi. Evitare comunque di piantare in una giornata particolarmente rigida o di vento freddo. La condizione migliore è quando, dopo la pioggia, il terreno è friabile e umido.
La buca va scavata di dimensione doppia, sia in larghezza che in profondità, della zolla da piantare. Deporre sul fondo dello stallatico ben maturo o del composto. Riempire con la terra dello scavo, alla quale si sarà aggiunto sabbia o composto di foglie, per aiutare la ritenzione dell’acqua. Bagnare abbondantemente. Una buona pacciamatura, attorno alla pianta, aiuterà a mantenere l’umidità desiderata. Controllare, nei giorni successivi, se la pianta dà segni di sete: in quel caso bagnare copiosamente. Se si pianta l’ortensia in mezzo al prato, lasciare un anello di terra nuda attorno al piede del cespuglio, perché le sue radici non soffrano la concorrenza di quelle dell’erba. Man mano ch…