Passa ai contenuti principali

IL PUGNALE MALESE


Originaria delle Filippine la Alocasia è anche conosciuta come "kris plant" per la forma delle foglie che ricordano un pugnale malese. Nella zona tropicale asiatica ne esistono numerose specie che possono raggiunge i due metri di altezza, nelle nostre latitudini è molto conosciuta e coltivata la Alocasia Sanderiana posta in casa in luogo parzialmente ombreggiato, dove non supera i 60 cm di altezza. Dal fogliame definito da molti miei clienti drammatico, è invece di grande effetto per il suo colore e portamento altero. E’ una pianta molto decorativa, molto resistente ed affascinante. Le foglie hanno un disegno molto bizzarro e sono delle vere opere d’arte grazie alle venature verdi chiaro e molto scuro. L’Alocasia grazie alla forma ed ai contrasti creati dalle foglie si adatta molto bene ad ambienti minimalisti sia geometrici che molto moderni. Non è però da sottovalutare anche in un ambiente classico perché assume un aspetto molto elegante. Vi consigliamo di piantarne alcune in un vaso grande e riporlo su un bel tavolo. A volte può addirittura assumere un aspetto nostalgico, forse per quel suo carattere quasi preistorico.

L’Alocasia fa parte di una famiglia molto ampia e diversificata chiamata delle Aracae. Nella stessa famiglia troviamo sia l’Anthurium che la Dieffenbachia.
Dandogli le cure giuste la vostra Alocasia, vi terrà compagnia per moltissimi anni. In inverno ha bisogno di un periodo di riposo nel quale la sua crescita si ferma. Adattate quindi i suoi bisogni a questo momento e bagnatela con minor frequenza.

Può capitare che di mattina troviate sui bordi delle foglie, o sul vaso della vostra pianta, delle goccioline d’acqua, non c’è da preoccuparsi. Significa, infatti, che la vostra pianta gode di ottima salute, semplicemente sta assorbendo una quantità maggiore d’acqua rispetto a quelle che evapora. Le piante, in questo caso si comportano, esattamente come gli umani: a volte sudano!

Posizione

L’Alocasia ama essere messa in una posizione molto luminosa, preferibilmente con voi nel vostro salotto. Soprattutto in estate, è buona regola proteggetela dai raggi del sole. Per crescere sana e rigogliosa non ha bisogno di moltissima luce, ma piuttosto un alto tasso d’umidità dell’aria. E’ assolutamente sconsigliato mettere la pianta vicino, o addirittura sopra, un termosifone.

Acqua e nutrimento

Controllate sempre che il terriccio della vostra Alocasia sia umido, ma mai zuppo. In inverno la pianta va a riposo e ha bisogno quindi di pochissima acqua. Con l’avvicinarsi della primavera, all’incirca nel mese di marzo, la pianta si sveglia e inizia a sviluppare nuove foglie. E’ questo il momento in cui dovrete ricominciare a bagnarla incrementando la dose con l’aumentare del caldo. In estate vi consigliamo anche di darle del nutrimento apposito per piante in vaso, preferibilmente con frequenza settimanale. Se volete foglie brillanti e sane, ricordatevi che di tanto in tanto, la pianta apprezza molto essere nebulizzata con un po’ d’acqua fresca.

Temperatura

L’Alocasia sta bene con temperature comprese tra i diciotto ed i ventidue gradi. E’ fondamentale che non sia mai esposta a temperature al di sotto dei quindici gradi, la pianta infatti non sopporta il freddo e rischia di morire in breve tempo.

Commenti

Post popolari in questo blog

ANTHURIUM A 360 GRADI

Come pianta da camera, negli ultimi anni l'Anthurium ha subito uno sviluppo profondo, sia in termini di struttura, dimensioni del vaso, durata, che di colore, forma e dimensioni del fiore.
Per questo l'Anthurium da vaso si è sviluppato fino a diventare una pianta adatta a qualsiasi ambiente, da un locale arredato in stile moderno a uno classico, da un ambiente di lavoro a uno domestico.

Consigli per la cura: Molta luce, ma non sole diretto;Temperatura ambiente (non sotto i 17°C);Annaffiare due volte alla settimana (più o meno 250 ml di acqua tiepida);Concimare ogni tre settimane. Importante annaffiare uniformemente e con regolarità (non lasciare mai seccare troppo la pianta, e nemmeno annaffiare troppo)
Non annaffiate troppo (troppa acqua danneggia le radici. Le foglie diventano gialle invece che verdi). Non annaffiare poco (troppo poca acqua frena la crescita e lo sviluppo dei fiori nuovi).


Le macchie marroni sulla foglia dell’Anthurium possono avere diverse cause:
terreno troppo…

CICLAMINO FAQ

Dove sistemare i ciclamini, in casa o sul terrazzo? Quali sono le posizioni da evitare ?Sistemate i ciclamini in un locale luminoso, ma al riparo dal calore.
Il ciclamino in vaso ha bisogno di luce, e va protetto dai raggi solari diretti. Preferisce ambienti freschi. Per prolungarne la fioritura, potrete sistemarlo nel soggiorno, vicino ad una finestra, preferibilmente non orientata a sud e, soprattutto, lontano dai radiatori. Stanze fresche, camere da letto, ingressi o vani delle scale rappresentano spesso ambienti ideali per il ciclamino. Per conservare più a lungo la vostra pianta, potrete anche metterla fuori, di notte, scegliendo un adeguato riparo nelle regioni più fredde. Infine, sulla vostra veranda, il ciclamino si troverà come nella serra dell’orticoltore.
Come va innaffiato il ciclamino ?1) Potrete annaffiare il ciclamino dall’alto, con un innaffiatoio a collo lungo, sul bordo del vaso, evitando di bagnare il bulbo situato al centro della pianta. Basta innaffiarlo …

LA MIGLIORE STAGIONE DELLE ORTENSIE

La stagione ideale per piantare le ortensie è la primavera, quando non vi sia più pericolo di gelate o l’autunno, nei climi più caldi. Evitare comunque di piantare in una giornata particolarmente rigida o di vento freddo. La condizione migliore è quando, dopo la pioggia, il terreno è friabile e umido.
La buca va scavata di dimensione doppia, sia in larghezza che in profondità, della zolla da piantare. Deporre sul fondo dello stallatico ben maturo o del composto. Riempire con la terra dello scavo, alla quale si sarà aggiunto sabbia o composto di foglie, per aiutare la ritenzione dell’acqua. Bagnare abbondantemente. Una buona pacciamatura, attorno alla pianta, aiuterà a mantenere l’umidità desiderata. Controllare, nei giorni successivi, se la pianta dà segni di sete: in quel caso bagnare copiosamente. Se si pianta l’ortensia in mezzo al prato, lasciare un anello di terra nuda attorno al piede del cespuglio, perché le sue radici non soffrano la concorrenza di quelle dell’erba. Man mano ch…