Passa ai contenuti principali

UN MATRIMONIO SENZA VERDE


Come sapete, la giusta disposizione delle composizioni all'interno della chiesa, non solo rende l'ambiente armonioso ma aiuta a creare la giusta atmosfera.
La leggibilità è molto importante e possiamo migliorarla apportando piccole modifiche e seguendo semplici regole che ci faranno personalizzare al massimo l'addobbo.
La prima regola riguarda i colori: anche se è difficile, vi consiglio di non creare troppa mescolanza di colori. E' anzi meglio cercare di creare delle composizione di giuste tonalità scivolando tra i colori dal lilla al rosa, dal rosso all'arancio, i colori abbinati ai fiori diventano i protagonisti.
Il secondo consiglio è quello di alternare i verdi detti "calmi" ad altri detti "complessi", ovvero.. cerchiamo di realizzare composizioni senza troppa confusione ma neppure troppo appiattimento.Per esempio dove sono posti degli elegantissimi candelabri possiamo mettere delle composizioni colorate.
Il terzo consiglio è quella di creare originalità. Non mettiamo fiori in maniera di facciata trascurando la profondità ma facciamo in modo che lo sguardo giri intorno alle nostre composizioni. Il quarto consiglio è quello che in tutte le composizioni si ripeta lo stesso stile usato per le altre. Se scegliamo composizioni decorative possiamo usarlo in tutte le composizioni della chiesa o limitarlo solo in alcune, per esempio l'entrata della chiesa e quasi sempre realizzata con delle composizioni alte dette "vegetative" dove i fiori sono lasciati salire in alto per tutta la loro lunghezza. Il quinto consiglio è la quantità di fiori necessaria per abbellire la chiesa, molto dipende dalla grandezza del locale che dovete addobbare, potrete tuttavia concentrarvi sulle composizioni nelle zone che verranno riprese nelle fotografie o nel filmino, cioè l’ingresso, l’altare e la zona dove è posizionato il registro per le firme; le balaustre e la mensa, l'inginocchiatoio. Se i posti a sedere nella chiesa sono composti dalle panche potete adagiare sul bordo esterno di ognuna una piccola composizione legata ad essa, oppure se il camminamento tra di esse è maggiore rispetto alle panche possiamo inserire delle composizioni alla base delle stesse. Queste composizioni possono essere impreziosite con delle strutture di ferro battuto. Il sesto consiglio è quello della scelta dei fiori. L'addobbo dipenderà dal fiore scelto in base al vostro gusto personale. Per contenere i costi degli addobbi in chiesa, è preferibile scegliere fiori di stagione, che hanno un costo inferiore a quelli che vengono coltivati al di fuori del loro periodo naturale.

Negli ultimi tempi ho vissuto una bella esperienza di formazione all'estero e mi sono ispirata alla Grecia "E'stato dirompente, per darvi un 'idea soltanto per il bouquet della sposa e per i mazzetti da appendere alle sedie abbiamo usato 400 rose. In totale abbiamo decorato tre luoghi diversi, di cui la chiesa era la più spettacolare. La coppia voleva composizioni sulla tavola, ghirlande lungo il tappetto, decorazioni per la macchina e perfino una composizione galleggiante di calle per la piscina. In chiesa le lampade erano decorate di rose e Ortensie bianche. Di solito si usa tanto verde nelle composizioni matrimoniali. in questo caso, però, non era permesso visto che allo sposo non piaceva il colore verde. Prima abbiamo nascosto la spugna con il verde e poi abbiamo coperto la base di fiori. Alcuni giorni prima abbiamo cominciato a preparare i fiori conservandoli nell'acqua con l'alimento.

L'addobbo ai raggi X: le composizioni che decoravano i lampadari sono state realizzate con Narcisi, Avalanche, circondati di Anemone coronaria e Frittilaria hermonis. La chiesa era addobbata con Rose Avalanche, Viburno opulus, Asparagus, Dianthus, Cymbidium a fiori grandi. La composizione galleggiante con Zantedeschia leagata in modo parallelo e Hippeastrum Mont Blanc avvolti da un nastro bianco decorato di perline.


Commenti

Post popolari in questo blog

ANTHURIUM A 360 GRADI

Come pianta da camera, negli ultimi anni l'Anthurium ha subito uno sviluppo profondo, sia in termini di struttura, dimensioni del vaso, durata, che di colore, forma e dimensioni del fiore.
Per questo l'Anthurium da vaso si è sviluppato fino a diventare una pianta adatta a qualsiasi ambiente, da un locale arredato in stile moderno a uno classico, da un ambiente di lavoro a uno domestico.

Consigli per la cura: Molta luce, ma non sole diretto;Temperatura ambiente (non sotto i 17°C);Annaffiare due volte alla settimana (più o meno 250 ml di acqua tiepida);Concimare ogni tre settimane. Importante annaffiare uniformemente e con regolarità (non lasciare mai seccare troppo la pianta, e nemmeno annaffiare troppo)
Non annaffiate troppo (troppa acqua danneggia le radici. Le foglie diventano gialle invece che verdi). Non annaffiare poco (troppo poca acqua frena la crescita e lo sviluppo dei fiori nuovi).


Le macchie marroni sulla foglia dell’Anthurium possono avere diverse cause:
terreno troppo…

CICLAMINO FAQ

Dove sistemare i ciclamini, in casa o sul terrazzo? Quali sono le posizioni da evitare ?Sistemate i ciclamini in un locale luminoso, ma al riparo dal calore.
Il ciclamino in vaso ha bisogno di luce, e va protetto dai raggi solari diretti. Preferisce ambienti freschi. Per prolungarne la fioritura, potrete sistemarlo nel soggiorno, vicino ad una finestra, preferibilmente non orientata a sud e, soprattutto, lontano dai radiatori. Stanze fresche, camere da letto, ingressi o vani delle scale rappresentano spesso ambienti ideali per il ciclamino. Per conservare più a lungo la vostra pianta, potrete anche metterla fuori, di notte, scegliendo un adeguato riparo nelle regioni più fredde. Infine, sulla vostra veranda, il ciclamino si troverà come nella serra dell’orticoltore.
Come va innaffiato il ciclamino ?1) Potrete annaffiare il ciclamino dall’alto, con un innaffiatoio a collo lungo, sul bordo del vaso, evitando di bagnare il bulbo situato al centro della pianta. Basta innaffiarlo …

LA MIGLIORE STAGIONE DELLE ORTENSIE

La stagione ideale per piantare le ortensie è la primavera, quando non vi sia più pericolo di gelate o l’autunno, nei climi più caldi. Evitare comunque di piantare in una giornata particolarmente rigida o di vento freddo. La condizione migliore è quando, dopo la pioggia, il terreno è friabile e umido.
La buca va scavata di dimensione doppia, sia in larghezza che in profondità, della zolla da piantare. Deporre sul fondo dello stallatico ben maturo o del composto. Riempire con la terra dello scavo, alla quale si sarà aggiunto sabbia o composto di foglie, per aiutare la ritenzione dell’acqua. Bagnare abbondantemente. Una buona pacciamatura, attorno alla pianta, aiuterà a mantenere l’umidità desiderata. Controllare, nei giorni successivi, se la pianta dà segni di sete: in quel caso bagnare copiosamente. Se si pianta l’ortensia in mezzo al prato, lasciare un anello di terra nuda attorno al piede del cespuglio, perché le sue radici non soffrano la concorrenza di quelle dell’erba. Man mano ch…