Passa ai contenuti principali

LA CURA DELLA PHALAENOPSIS


L'ideale per la Phalaenopsis è una normale temperatura ambiente, tra i 18 e i 22 gradi. Sistemate la pianta in un punto luminoso del soggiorno. Nei mesi invernali la pianta può essere esposta ai raggi del sole. Dall’inizio di aprile fino all’inizio di ottobre i raggi solari sono troppo intensi e la pianta non deve stare al sole. La Phalaenopsis è una pianta che cresce lentamente in appartamento ha però bisogno di essere nutrita somministrandole del concime completo meglio idrosolubili in acqua una volta al mese. Il concime deve aver riportato sull'etichetta della confezione NPK (20-20-20) .

Travaso
Vi Sconsiglio di travasare le Phalaenopsis (e le orchidee in generale), a meno che ciò non sia veramente necessario perchè il vaso è diventato troppo piccolo. Sul fondo del nuovo vaso devono esserci fori per far fuoriuscire l’eccesso d’acqua, al fine di prevenire il marciume delle radici. L’orchidea ama una miscela arieggiata, quindi non premere troppo il terriccio. Nella maggior parte dei centri per il giardinaggio si può acquistare speciale terriccio per orchidee.
Le orchidee vengono spesso innaffiate troppo. Le radici NON devono MAI stare nell’acqua. Quindi, se l’orchidea è in un vaso decorativo senza fori, fare attenzione che sul fondo non rimanga acqua stagnante. In caso di eccesso d'acqua, le radici muoiono.

Innaffiare perciò nel modo seguente: togliere dal portavaso decorativo l’orchidea nel vaso del vivaio – lasciare quindi la pianta nel suo contenitore originario. Immergerla in un secchio pieno d’acqua a temperatura ambiente. Lasciare la pianta nell’acqua per cinque – dieci minuti. Non mettere troppa acqua nel secchio: il vaso deve essere immerso fino a tre quarti al massimo. Dipendentemente dalla situazione in casa (temperatura ed umidità) e dal tempo fuori (molto o poco sole) immergere la pianta più spesso o meno spesso di una volta la settimana. Un buon indicatore è il peso della pianta: meno pesa e più è asciutta. Nel corso del tempo imparerete a giudicare il peso della pianta sempre meglio.

Rifioritura
Dopo la fioritura tagliare lo stelo sopra il secondo occhio, partendo dalla base delle foglie. L’occhio è un ingrossamento dello stelo del fiore ed è chiaramente riconoscibile. Con il trascorrere del tempo, dall’occhio può svilupparsi un nuovo ramo. Inoltre sotto ogni foglia può svilupparsi un nuovo ramo che fiorirà nuovamente. Tagliare dopo la fioritura anche questo ramo sopra il secondo occhio. In questo modo la pianta può fiorire varie volte. Se non dovesse rifiorire, sistemare la Phalaenopsis per alcuni mesi in una stanza più fredda (luminosa) (da 15 a 16 gradi), per stimolare la gemmazione. Avviene infatti quanto segue: la Phalaenopsis non è abituata a una temperatura inferiore ai 17 – 18 gradi perché proviene dai tropici. Per questo la pianta reagirà come se stesse per morire e produrrà un ramo per assicurare una generazione successiva. Per poterlo fare, la pianta deve naturalmente avere luce. Nel corso di questo trattamento a bassa temperatura innaffiare meno. Quando il ramo spunta, rimettere la pianta al suo posto.

Commenti

laPitta ha detto…
grazie per questi preziosissimi consigli!
quest'anno, per la prima volta, sono riuscita a farla sopravvivere (ce l'ho da ottobre!), adesso vediamo se riuscirò a farla fiorire nuovamente! :-)
laPitta ha detto…
aiuto, ho cantato vittoria troppo presto: da ieri la mia phalaenopsis ha iniziato a perdere foglie, troppe foglie!
cosa sto sbagliando? le ho dato forse troppa acqua?
io la immergo nell'acqua una volta a settimana per pochi minuti e poi la lascio scolare prima di rimetterla nel sottovaso...aiutooo!
Fiorista Mariangela ha detto…
Ciao laPitta hai bagnato troppo la pianta sospendi le innaffiature per 15 giorni.
laPitta ha detto…
grazie mille, speriamo bene! :-)
Anonimo ha detto…
mmm scusate x la domanda sara stupida ma l'aqua come deve essere?distillata?da bottiglia?o rubbinetto?
Ottavia ha detto…
ciao :) grazie x questi consigli che seguirò di sicuro...
io ne ho una in camera da circa un mesetto...aveva 4 fiori già aperti e 2 boccioli...solo che adesso i boccioli ancora chiusi sono caduti senza aprirsi e i 2 fiori (quelli più verso le radici) anche...
sto sbagliando qualcosa o è normale che in qst periodo perda i fiori?? grazie
Maria Teresa ha detto…
Grazie mille per i tuoi consigli, molto chiari. Mi hanno appena regalato un'orchidea, adesso devo cercare di farla sopravvivere alle mie amorevoli cure!!!
Ciao

Maria Teresa
Anonimo ha detto…
Finalmente ho una phalaenopsis spero con i tuoi consigli di farla vivere a lungo in caso contrario,verrò a chiederti aiuto, Ciao e grazie

Post popolari in questo blog

ANTHURIUM A 360 GRADI

Come pianta da camera, negli ultimi anni l'Anthurium ha subito uno sviluppo profondo, sia in termini di struttura, dimensioni del vaso, durata, che di colore, forma e dimensioni del fiore.
Per questo l'Anthurium da vaso si è sviluppato fino a diventare una pianta adatta a qualsiasi ambiente, da un locale arredato in stile moderno a uno classico, da un ambiente di lavoro a uno domestico.

Consigli per la cura: Molta luce, ma non sole diretto;Temperatura ambiente (non sotto i 17°C);Annaffiare due volte alla settimana (più o meno 250 ml di acqua tiepida);Concimare ogni tre settimane. Importante annaffiare uniformemente e con regolarità (non lasciare mai seccare troppo la pianta, e nemmeno annaffiare troppo)
Non annaffiate troppo (troppa acqua danneggia le radici. Le foglie diventano gialle invece che verdi). Non annaffiare poco (troppo poca acqua frena la crescita e lo sviluppo dei fiori nuovi).


Le macchie marroni sulla foglia dell’Anthurium possono avere diverse cause:
terreno troppo…

CICLAMINO FAQ

Dove sistemare i ciclamini, in casa o sul terrazzo? Quali sono le posizioni da evitare ?Sistemate i ciclamini in un locale luminoso, ma al riparo dal calore.
Il ciclamino in vaso ha bisogno di luce, e va protetto dai raggi solari diretti. Preferisce ambienti freschi. Per prolungarne la fioritura, potrete sistemarlo nel soggiorno, vicino ad una finestra, preferibilmente non orientata a sud e, soprattutto, lontano dai radiatori. Stanze fresche, camere da letto, ingressi o vani delle scale rappresentano spesso ambienti ideali per il ciclamino. Per conservare più a lungo la vostra pianta, potrete anche metterla fuori, di notte, scegliendo un adeguato riparo nelle regioni più fredde. Infine, sulla vostra veranda, il ciclamino si troverà come nella serra dell’orticoltore.
Come va innaffiato il ciclamino ?1) Potrete annaffiare il ciclamino dall’alto, con un innaffiatoio a collo lungo, sul bordo del vaso, evitando di bagnare il bulbo situato al centro della pianta. Basta innaffiarlo …

LA MIGLIORE STAGIONE DELLE ORTENSIE

La stagione ideale per piantare le ortensie è la primavera, quando non vi sia più pericolo di gelate o l’autunno, nei climi più caldi. Evitare comunque di piantare in una giornata particolarmente rigida o di vento freddo. La condizione migliore è quando, dopo la pioggia, il terreno è friabile e umido.
La buca va scavata di dimensione doppia, sia in larghezza che in profondità, della zolla da piantare. Deporre sul fondo dello stallatico ben maturo o del composto. Riempire con la terra dello scavo, alla quale si sarà aggiunto sabbia o composto di foglie, per aiutare la ritenzione dell’acqua. Bagnare abbondantemente. Una buona pacciamatura, attorno alla pianta, aiuterà a mantenere l’umidità desiderata. Controllare, nei giorni successivi, se la pianta dà segni di sete: in quel caso bagnare copiosamente. Se si pianta l’ortensia in mezzo al prato, lasciare un anello di terra nuda attorno al piede del cespuglio, perché le sue radici non soffrano la concorrenza di quelle dell’erba. Man mano ch…