Passa ai contenuti principali

IN GIARDINO "IL GELSOMINO"

I gelsomini rampicanti si avviluppano a qualsiasi supporto e sono piante adatte a ricoprire muri, graticci, pergolati, e ringhiere. Quelli arbustivi sono comunque sarmentosi hanno lunghi rami flessibili e possono essere coltivati a cascata come ricadenti, mentre le specie dallo sviluppo contenuto sono adatte per i giardini rocciosi o per composizioni in aiuole.
il gelsomino più comune è lo Jasminum officinale è un rampicante a foglie caduche, che può crescere anche in zone moderatamente fredde fino a –5° C

Una specie particolare è il Jasminum beesianum; ha foglie verde scuro nella pagina superiore e verde grigio in quella inferiore. I fiori, a gruppi di tre, sono rosa carminio e profumati; i frutti, piatti e globosi, sono di un nero brillante e a maturazione formano una cascata di notevole effetto. È una pianta a portamento rampicante e a foglie caduche.
Il Jasminum polyanthum è la specie più coltivata per la profusione e la fragranza dei fiori di colore rosa all’esterno e bianco all’interno, che sbocciano in marzo-aprile; è un rampicante volubile, vigoroso, sempreverde, come il Jasminum sambac che fiorisce regolarmente per tutta l’estate con grandi fiori candidi e profumatissimi. Altri due gelsomini rampicanti e sempreverdi sono il Jasminum azoricum e il Jasminum angulare che hanno interessanti fioriture alla fine dell’estate, sempre profumate.
Fra i gelsomini arbustivi troviamo lo Jasminum primulinum, che fiorisce di giallo in primavera, ed è un arbusto sempreverde adatto per zone temperate. Il Jasminum nudiflorum noto come gelsomino di san Giuseppe che presenta fiori giallo brillante che sbocciano già in inverno e all’inizio della primavera sui rami ancora spogli; è una pianta arbustiva e a foglie caduche, robusta e che non teme il freddo.
Il falso gelsomino (Trachelospermum jasminoides) viene scambiato spessoe per un gelsomino, ma non lo è. È una pianta rustica e sempreverde, con fiori simili a stelline bianche, profumatissimi, che sbocciano in maggio-giugno e che ricoprono fittamente tutta la pianta; i lunghi rami volubili crescono fino a 10 metri d’altezza. Cresce in qualsiasi terreno e clima, ad esclusione delle zone con temperatura molto rigida, ama una posizione soleggiata e riparata dalle correnti fredde ma sviluppa bene anche in posizioni parzialmente ombreggiate. Non è necessario potarlo, se non per contenerne l’eccessivo sviluppo, intervenendo a fine inverno.
La maggior parte dei gelsomini prediligono i climi miti, dove si coltivano all’aperto. In zone ove durante l’inverno la temperatura scende sotto lo zero di parecchi gradi, vanno coltivati in grandi contenitori da ricoverare in serra fredda o in un locale luminoso non riscaldato. Le specie semirustiche (come ad esempio Jasminum officinale o Jasminum nudiflorum) resistono anche all’aperto in zone temperate (sino a 2-5° C sotto zero), sempre addossate a un muro rivolto a sud. Ovviamente in piena terra, con clima favorevole, le piante hanno una vegetazione e una fioritura ben più rigogliosa di quelle coltivate in contenitore.
I gelsomini amano un terreno fertile, ben drenato e il pieno sole o una leggera ombra. Le piante coltivate in contenitore vanno innaffiate regolarmente in primavera-estate, con aggiunta una volta al mese, da marzo a inizio settembre, di un fertilizzante liquido con basso contenuto d’azoto.

Nei gelsomini arbustivi (Jasminum nudiflorum e Jasminum primulinum), le potature si eseguono dopo la fioritura, eliminando un quarto dei getti che hanno portato i fiori; nelle specie rampicanti (Jasminum officinale, Jasminum polyanthum, ecc.), occorre sfoltire la massa della vegetazione, accorciando i rami troppo lunghi ed elimindo quelli vecchi, sempre dopo la fioritura.
I gelsomini coltivati in contenitore, o in serra, sono particolarmente soggetti alle infestazioni di afidi ; in questo caso è opportuno trattare con un aficida alla comparsa dei primi insetti.
Le cocciniglie (Pseudococcus longispinus, mm 2,5), invece, possono formare sui fusti e sulle foglie dannose placche cerose bianche che vanno irrorate al più presto con prodotti specifici a base di olio bianco, attenendosi sempre e scrupolosamente alle dosi riportate in etichetta.

Commenti

Post popolari in questo blog

ANTHURIUM A 360 GRADI

Come pianta da camera, negli ultimi anni l'Anthurium ha subito uno sviluppo profondo, sia in termini di struttura, dimensioni del vaso, durata, che di colore, forma e dimensioni del fiore.
Per questo l'Anthurium da vaso si è sviluppato fino a diventare una pianta adatta a qualsiasi ambiente, da un locale arredato in stile moderno a uno classico, da un ambiente di lavoro a uno domestico.

Consigli per la cura: Molta luce, ma non sole diretto;Temperatura ambiente (non sotto i 17°C);Annaffiare due volte alla settimana (più o meno 250 ml di acqua tiepida);Concimare ogni tre settimane. Importante annaffiare uniformemente e con regolarità (non lasciare mai seccare troppo la pianta, e nemmeno annaffiare troppo)
Non annaffiate troppo (troppa acqua danneggia le radici. Le foglie diventano gialle invece che verdi). Non annaffiare poco (troppo poca acqua frena la crescita e lo sviluppo dei fiori nuovi).


Le macchie marroni sulla foglia dell’Anthurium possono avere diverse cause:
terreno troppo…

CICLAMINO FAQ

Dove sistemare i ciclamini, in casa o sul terrazzo? Quali sono le posizioni da evitare ?Sistemate i ciclamini in un locale luminoso, ma al riparo dal calore.
Il ciclamino in vaso ha bisogno di luce, e va protetto dai raggi solari diretti. Preferisce ambienti freschi. Per prolungarne la fioritura, potrete sistemarlo nel soggiorno, vicino ad una finestra, preferibilmente non orientata a sud e, soprattutto, lontano dai radiatori. Stanze fresche, camere da letto, ingressi o vani delle scale rappresentano spesso ambienti ideali per il ciclamino. Per conservare più a lungo la vostra pianta, potrete anche metterla fuori, di notte, scegliendo un adeguato riparo nelle regioni più fredde. Infine, sulla vostra veranda, il ciclamino si troverà come nella serra dell’orticoltore.
Come va innaffiato il ciclamino ?1) Potrete annaffiare il ciclamino dall’alto, con un innaffiatoio a collo lungo, sul bordo del vaso, evitando di bagnare il bulbo situato al centro della pianta. Basta innaffiarlo …

LA MIGLIORE STAGIONE DELLE ORTENSIE

La stagione ideale per piantare le ortensie è la primavera, quando non vi sia più pericolo di gelate o l’autunno, nei climi più caldi. Evitare comunque di piantare in una giornata particolarmente rigida o di vento freddo. La condizione migliore è quando, dopo la pioggia, il terreno è friabile e umido.
La buca va scavata di dimensione doppia, sia in larghezza che in profondità, della zolla da piantare. Deporre sul fondo dello stallatico ben maturo o del composto. Riempire con la terra dello scavo, alla quale si sarà aggiunto sabbia o composto di foglie, per aiutare la ritenzione dell’acqua. Bagnare abbondantemente. Una buona pacciamatura, attorno alla pianta, aiuterà a mantenere l’umidità desiderata. Controllare, nei giorni successivi, se la pianta dà segni di sete: in quel caso bagnare copiosamente. Se si pianta l’ortensia in mezzo al prato, lasciare un anello di terra nuda attorno al piede del cespuglio, perché le sue radici non soffrano la concorrenza di quelle dell’erba. Man mano ch…