Passa ai contenuti principali

1 MAGGIO

E' tempo di febbrile attività nell'orto e nel giardino la natura è oramai iperattiva, anche nei climi più rigidi e negli angoli più ombrosi, inizia il mese delle Rose tra la primavera e l'estate.
Le rose in questo mese sono in piena fioritura ed è molto importante dedicarle qualche attenzione per mantenerle sane e rigogliose.
Vanno stimolate a riprendere forza dopo la fioritura, con l'apporto di un concime pronto effetto quindi liquido alle dosi consigliate sul prodotto mi raccomando concimate spesso.
Eliminate i fastidiosi pollini che crescono dalle radici o dal tronco, questi getti sottraggono nutrimento alla pianta e non producono fiori. Eliminate i fiori appassiti recidendoli al di sopra di una gemma rivolta verso l'esterno.
Controllate la rosa dal suo eccerrimo nemico l'afido, eliminandolo con un insetticida specifico. La strategia migliore è eseguire in primavera, quando si individuano le prime popolazioni, un trattamento con un prodotto sistemico e successivamente usare solo un prodotto a base di piretro naturale che non uccide tutti gli afidi, ma li tiene sotto controllo e non è dannoso per gli insetti utili tra i quali ve ne sono molti capaci di controllare la proliferazione degli afidi e dal mal bianco.
rose cespuglio

La coltivazione della Rosa è abbastanza semplice, necessita di una posizione assolata: il pieno sole consente alla pianta di sprigionare tutta la sua abbondante fioritura.
Viceversa una temperatura troppo alta sopra i 35° provoca la caduta delle foglie, boccioli ustionati e fiore pallido. Da maggio in poi ha bisogno di annaffiature abbondanti e durante il periodo estivo sono è da evitare nella maniera più assoluta la innaffiatura di acqua fredda. Sempre in questo mese può insorgere sulle foglie della botryts favorita dalla elevata umidità dell'aria e del terreno quindi meglio prestare attenzione al tempo, in caso di pioggia o cielo velato non bagnate la pianta.Non esistono delle regole ferree perché molto dipende da come si sviluppa la vostra pianta e dalla forma che desiderate assuma. In generale è necessario che vengano eliminati i rami secchi o danneggiati, e che venga incoraggiato il rinnovo parziale della vegetazione. Le rose rifiorenti generalmente necessitano di interventi più drastici da effettuarsi in gennaio febbraio, prima della ripresa vegetativa. Le rose più antiche che fioriscono sui rami dell'anno precedente possono essere potate dopo la fioritura e/o anche in febbraio se non si eccede nel taglio. Le rose sarmentose che fioriscono una sola volta sui lunghi tralci dell' anno precedente devono essere rinnovate a partire dalla base (eliminazione di alcuni rami più vecchi) dopo la fioritura.
I Lavori di Maggio
Semine (luna crescente)
Seminare in piena terra: Acanthus mollis, Alyssum, Althea rosea, Aster, calendula, campanula, Coreopsis, crisantemo, Digitalis, Iberis sempervirens, Lupinus polyphyllus, Myosotis, papavero, primule, fiordaliso, girasole ornamentale, violaciocche, garofano dei poeti, Gypsophila, mais ornamentale, nontiscordardimé, Schizanthus.
Trapianti (luna crescente)
Trapiantare le erbacee annuali perenni a fioritura autunnale e mettere a dimora: calendula, campanella rampicante, gladiolo, graminacee ornamentali, Ageratum, Canna, Coleus, Cosmos, dalia, Hedichium, petunie, Nicotiana, Salvia splendes, Tagetes.
Cimature e Potature (luna calante)
Cimare i crisantemi e i rampicanti, tra cui le rose non rifiorenti, e gli arbusti a fioritura precoce. Concludere la potatura degli agrumi ed effettuare il primo taglio alle siepi di Lauroceraso, Ligustro e Biancospino.
Lavori (luna calante)
Continuare ad annaffiare e concimare regolarmente le bulbose che sono fiorite tra aprile e gli inizi di maggio e attendere l'appassimento delle foglie prima di togliere da terra gli organi sotterranei. Estirpare e poi riporre in magazzino i bulbi già fioriti.

Commenti

Post popolari in questo blog

ANTHURIUM A 360 GRADI

Come pianta da camera, negli ultimi anni l'Anthurium ha subito uno sviluppo profondo, sia in termini di struttura, dimensioni del vaso, durata, che di colore, forma e dimensioni del fiore.
Per questo l'Anthurium da vaso si è sviluppato fino a diventare una pianta adatta a qualsiasi ambiente, da un locale arredato in stile moderno a uno classico, da un ambiente di lavoro a uno domestico.

Consigli per la cura: Molta luce, ma non sole diretto;Temperatura ambiente (non sotto i 17°C);Annaffiare due volte alla settimana (più o meno 250 ml di acqua tiepida);Concimare ogni tre settimane. Importante annaffiare uniformemente e con regolarità (non lasciare mai seccare troppo la pianta, e nemmeno annaffiare troppo)
Non annaffiate troppo (troppa acqua danneggia le radici. Le foglie diventano gialle invece che verdi). Non annaffiare poco (troppo poca acqua frena la crescita e lo sviluppo dei fiori nuovi).


Le macchie marroni sulla foglia dell’Anthurium possono avere diverse cause:
terreno troppo…

CICLAMINO FAQ

Dove sistemare i ciclamini, in casa o sul terrazzo? Quali sono le posizioni da evitare ?Sistemate i ciclamini in un locale luminoso, ma al riparo dal calore.
Il ciclamino in vaso ha bisogno di luce, e va protetto dai raggi solari diretti. Preferisce ambienti freschi. Per prolungarne la fioritura, potrete sistemarlo nel soggiorno, vicino ad una finestra, preferibilmente non orientata a sud e, soprattutto, lontano dai radiatori. Stanze fresche, camere da letto, ingressi o vani delle scale rappresentano spesso ambienti ideali per il ciclamino. Per conservare più a lungo la vostra pianta, potrete anche metterla fuori, di notte, scegliendo un adeguato riparo nelle regioni più fredde. Infine, sulla vostra veranda, il ciclamino si troverà come nella serra dell’orticoltore.
Come va innaffiato il ciclamino ?1) Potrete annaffiare il ciclamino dall’alto, con un innaffiatoio a collo lungo, sul bordo del vaso, evitando di bagnare il bulbo situato al centro della pianta. Basta innaffiarlo …

LA MIGLIORE STAGIONE DELLE ORTENSIE

La stagione ideale per piantare le ortensie è la primavera, quando non vi sia più pericolo di gelate o l’autunno, nei climi più caldi. Evitare comunque di piantare in una giornata particolarmente rigida o di vento freddo. La condizione migliore è quando, dopo la pioggia, il terreno è friabile e umido.
La buca va scavata di dimensione doppia, sia in larghezza che in profondità, della zolla da piantare. Deporre sul fondo dello stallatico ben maturo o del composto. Riempire con la terra dello scavo, alla quale si sarà aggiunto sabbia o composto di foglie, per aiutare la ritenzione dell’acqua. Bagnare abbondantemente. Una buona pacciamatura, attorno alla pianta, aiuterà a mantenere l’umidità desiderata. Controllare, nei giorni successivi, se la pianta dà segni di sete: in quel caso bagnare copiosamente. Se si pianta l’ortensia in mezzo al prato, lasciare un anello di terra nuda attorno al piede del cespuglio, perché le sue radici non soffrano la concorrenza di quelle dell’erba. Man mano ch…