Passa ai contenuti principali

FOGLIE SECCHE ANTIGELO NATURALE

foto
(foto AlessandraS.)
Per reggere temperature basse la vegetazione di piante legnose non erbacee deve lignificare, cioè maturare, diventare dura, scura. La vegetazione fuori misura è dovuta all'eccessivo apparato radicale in rapporto alla parte aerea ridotta, perché uccisa dal freddo. Che fare? le foglie secche di faggio, quercia e similari sono sempre un ottimo antigelo naturale. Con una rete di metallo comprata dal ferramenta, si possono ingabbiare affinché proteggano la pianta. Anche la paglia è un altro buon materiale, da tenere presente che l'umido è un pericoloso nemico, quindi se usiamo i fogli di plastica scegliamo quelli di tessuto non tessuto micro forati. L'anno scorso quando un ondata di freddo colpi la nostra regione con nevicate abbondanti battendo il record di altezza a Milano fui sorpresa di leggere un articolo sulla rivista Time in cui diceva che un agricoltore salvò alcune piante di agrumi nebulizzando acqua sulle foglie. Può sembrare un azzardo, ma a pensarci bene, non lo è affatto: si sa che il ghiaccio è un ottimo isolante contro il freddo, gli esquisimi ad esempio lo usano per realizzare le loro abitazioni. Preparatevi alla neve che può essere un problema per le piante deboli e per piante esotiche che non sopportano un carico come le conifere compatte thuya, chamaecypars, cipressi e simili anche rododendri, acacie, bossi e altri. Scrollate la neve quando è ancora farinosa facendo vibrare i rami con un canna e non bastonando il fogliame come ho visto fare, in caso di neve gelata non toccate niente. Il manto nevoso protegge dal freddo quindi va lasciato dove interessa proteggere. Ho constatato, e questo lo dico per incoraggiarvi a piantare, che dopo il grande freddo dell'anno scorso le piante cosiddette tropicali sono ripartite dalle radici con un forza, e vorrei dire una violenza, inaudita. Persino il Solanum nel mese di settembre usci dalla terra dove era stata piantata e data per morta. Ora è una pianta alta due metri, ma per prudenza verrà protetta. Altrettanto posso dire per la bougainvillea, la datura, la bignonia questa è una lezione molto importante per gli anni a venire. Ricordatevi che tutto ciò che vi sembra morto, marcito, finito, vive e vegeta sotto alla terra. Il mio consiglio è quello di piantare, di piantare sempre di più e soprattutto di osare nuove colture, la cosa più importante è la propria esperienza.

Commenti

Post popolari in questo blog

ANTHURIUM A 360 GRADI

Come pianta da camera, negli ultimi anni l'Anthurium ha subito uno sviluppo profondo, sia in termini di struttura, dimensioni del vaso, durata, che di colore, forma e dimensioni del fiore.
Per questo l'Anthurium da vaso si è sviluppato fino a diventare una pianta adatta a qualsiasi ambiente, da un locale arredato in stile moderno a uno classico, da un ambiente di lavoro a uno domestico.

Consigli per la cura: Molta luce, ma non sole diretto;Temperatura ambiente (non sotto i 17°C);Annaffiare due volte alla settimana (più o meno 250 ml di acqua tiepida);Concimare ogni tre settimane. Importante annaffiare uniformemente e con regolarità (non lasciare mai seccare troppo la pianta, e nemmeno annaffiare troppo)
Non annaffiate troppo (troppa acqua danneggia le radici. Le foglie diventano gialle invece che verdi). Non annaffiare poco (troppo poca acqua frena la crescita e lo sviluppo dei fiori nuovi).


Le macchie marroni sulla foglia dell’Anthurium possono avere diverse cause:
terreno troppo…

CICLAMINO FAQ

Dove sistemare i ciclamini, in casa o sul terrazzo? Quali sono le posizioni da evitare ?Sistemate i ciclamini in un locale luminoso, ma al riparo dal calore.
Il ciclamino in vaso ha bisogno di luce, e va protetto dai raggi solari diretti. Preferisce ambienti freschi. Per prolungarne la fioritura, potrete sistemarlo nel soggiorno, vicino ad una finestra, preferibilmente non orientata a sud e, soprattutto, lontano dai radiatori. Stanze fresche, camere da letto, ingressi o vani delle scale rappresentano spesso ambienti ideali per il ciclamino. Per conservare più a lungo la vostra pianta, potrete anche metterla fuori, di notte, scegliendo un adeguato riparo nelle regioni più fredde. Infine, sulla vostra veranda, il ciclamino si troverà come nella serra dell’orticoltore.
Come va innaffiato il ciclamino ?1) Potrete annaffiare il ciclamino dall’alto, con un innaffiatoio a collo lungo, sul bordo del vaso, evitando di bagnare il bulbo situato al centro della pianta. Basta innaffiarlo …

LA MIGLIORE STAGIONE DELLE ORTENSIE

La stagione ideale per piantare le ortensie è la primavera, quando non vi sia più pericolo di gelate o l’autunno, nei climi più caldi. Evitare comunque di piantare in una giornata particolarmente rigida o di vento freddo. La condizione migliore è quando, dopo la pioggia, il terreno è friabile e umido.
La buca va scavata di dimensione doppia, sia in larghezza che in profondità, della zolla da piantare. Deporre sul fondo dello stallatico ben maturo o del composto. Riempire con la terra dello scavo, alla quale si sarà aggiunto sabbia o composto di foglie, per aiutare la ritenzione dell’acqua. Bagnare abbondantemente. Una buona pacciamatura, attorno alla pianta, aiuterà a mantenere l’umidità desiderata. Controllare, nei giorni successivi, se la pianta dà segni di sete: in quel caso bagnare copiosamente. Se si pianta l’ortensia in mezzo al prato, lasciare un anello di terra nuda attorno al piede del cespuglio, perché le sue radici non soffrano la concorrenza di quelle dell’erba. Man mano ch…