mercoledì 24 novembre 2010

FOGLIE SECCHE ANTIGELO NATURALE

foto
(foto AlessandraS.)
Per reggere temperature basse la vegetazione di piante legnose non erbacee deve lignificare, cioè maturare, diventare dura, scura. La vegetazione fuori misura è dovuta all'eccessivo apparato radicale in rapporto alla parte aerea ridotta, perché uccisa dal freddo. Che fare? le foglie secche di faggio, quercia e similari sono sempre un ottimo antigelo naturale. Con una rete di metallo comprata dal ferramenta, si possono ingabbiare affinché proteggano la pianta. Anche la paglia è un altro buon materiale, da tenere presente che l'umido è un pericoloso nemico, quindi se usiamo i fogli di plastica scegliamo quelli di tessuto non tessuto micro forati. L'anno scorso quando un ondata di freddo colpi la nostra regione con nevicate abbondanti battendo il record di altezza a Milano fui sorpresa di leggere un articolo sulla rivista Time in cui diceva che un agricoltore salvò alcune piante di agrumi nebulizzando acqua sulle foglie. Può sembrare un azzardo, ma a pensarci bene, non lo è affatto: si sa che il ghiaccio è un ottimo isolante contro il freddo, gli esquisimi ad esempio lo usano per realizzare le loro abitazioni. Preparatevi alla neve che può essere un problema per le piante deboli e per piante esotiche che non sopportano un carico come le conifere compatte thuya, chamaecypars, cipressi e simili anche rododendri, acacie, bossi e altri. Scrollate la neve quando è ancora farinosa facendo vibrare i rami con un canna e non bastonando il fogliame come ho visto fare, in caso di neve gelata non toccate niente. Il manto nevoso protegge dal freddo quindi va lasciato dove interessa proteggere. Ho constatato, e questo lo dico per incoraggiarvi a piantare, che dopo il grande freddo dell'anno scorso le piante cosiddette tropicali sono ripartite dalle radici con un forza, e vorrei dire una violenza, inaudita. Persino il Solanum nel mese di settembre usci dalla terra dove era stata piantata e data per morta. Ora è una pianta alta due metri, ma per prudenza verrà protetta. Altrettanto posso dire per la bougainvillea, la datura, la bignonia questa è una lezione molto importante per gli anni a venire. Ricordatevi che tutto ciò che vi sembra morto, marcito, finito, vive e vegeta sotto alla terra. Il mio consiglio è quello di piantare, di piantare sempre di più e soprattutto di osare nuove colture, la cosa più importante è la propria esperienza.

0 Comments: