Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da settembre 20, 2009

PHILODENDRO

Le differenti varietà di Pilodendrum sono originarie sia dell’Africa, che dell’Asia tropicale piuttosto che dalle zone umide intorno all’equatore. Il Philodendrum è una delle piante da appartamento tra le più classiche. Il nome deriva dal vocabolo greco amore( philo) e albero (dendron). Ecco a voi la pianta dell’amore.La maggior parte dei Philodendrum ornamentali hanno foglie lobate o profondamente allungate. Crescano nelle foreste sotto forma d’arbusti, alberi o come piante epifite su tronchi o su altri alberi. La forza e la resistenza delle diverse varietà di Philodendrum possono essere riconosciute dal colore delle foglie, quelle verde intenso garantiscono infatti una lunga durata delle pianta. La pianta ha foglie verde scuro molto lucide, allegra e molto di moda, adatta ad ogni ambiente perchè è, sia molto elegante che semplice.Posizione

Al vostro Philodendrum non interessa se lo metterete in una posizione ombreggiata. Da marzo a settembre dategli però un po’ più d’attenzione: es…

NEL SEGNO DEL ROSSO

Quel colore tra il carminio, il porpora e il rosso di cadmio, diventato eterno come il rosso Tiziano. Colore difficile, il rosso si otteneva nelle tintorie fiorentine con una ricetta segreta che impiegava il succo di una pianta, la «robbia» altrove la stessa pianta veniva chiamata «garanza», termine
che riferendosi alla tintura in rosso di altissima qualità. Ma che genere di pianta è la Robbia, la robbia è una pianta perenne che raggiunge un' altezza di 80 centimetri; ha un fusto eretto quadrangolare, liscio e poco ramificato. Le foglie sono verde chiaro-biancastre ovali e appuntite, persistenti, disposte in gruppi di 4-6 intorno al fusto. I fiori sono bianchi, piccoli; i frutti sono bacche carnose di colore nero lucido. Una specie simile, la robbia domestica o tintoria, veniva coltivata nell'antichità perché dalle sue radici si ricavava una sostanza colorante rosa. È il colore della vita, una cascata di energia che alza la pression…

UN MATRIMONIO SENZA VERDE

Come sapete, la giusta disposizione delle composizioni all'interno della chiesa, non solo rende l'ambiente armonioso ma aiuta a creare la giusta atmosfera.
La leggibilità è molto importante e possiamo migliorarla apportando piccole modifiche e seguendo semplici regole che ci faranno personalizzare al massimo l'addobbo.
La prima regola riguarda i colori: anche se è difficile, vi consiglio di non creare troppa mescolanza di colori. E' anzi meglio cercare di creare delle composizione di giuste tonalità scivolando tra i colori dal lilla al rosa, dal rosso all'arancio, i colori abbinati ai fiori diventano i protagonisti.
Il secondo consiglio è quello di alternare i verdi detti "calmi" ad altri detti "complessi", ovvero.. cerchiamo di realizzare composizioni senza troppa confusione ma neppure troppo appiattimento.Per esempio dove sono posti degli elegantissimi candelabri possiamo mettere delle composizioni colorate.
Il terzo consiglio è quella di creare o…