sabato 28 novembre 2009

BROMELIA


Carnevale, musica, passione e temperamento. Queste sono solo alcune delle parole che ci vengono in mente cercando di descrivere questa bellissima pianta. Niente di strano se si pensa all’origine della pianta, le ricche foreste tropicali Brasiliane. Fortunatamente nel suo viaggio verso l’Europa non ha perso l’umore brasiliano.
La vostra Vriesea può essere bianca, gialla, arancione rossa e viola. Avete quindi l’imbarazzo della scelta e sicuramente troverete quella che meglio si abbina ai colori della vostra casa. Mettetela in un vaso alto con gli stessi colori del fiore, o mettetene tante insieme in un allegro cestino di ceramica. Create un mix di colori in un grande vaso di vimini. Queste sono solo alcune delle idee che ci vengono in mente per valorizzare al massimo questa pianta. Provate voi stessi a pensare a soluzioni diverse,le possibilità sono veramente infinite.Mettetela in bagno o in cucina. Scegliete una pianta che si adatti molto bene al vostro ambiente e vedrete che tutta la casa s’ illuminerà. In salotto, in bagno, in cucina, nella camera da letto, nella stanza dei bambini sul balcone, sul terrazzo o sulla scrivania, la Bromelia vi segue pronta a irradiare la gioia del sole tropicale.
Vuole molta luce, ma non il sole diretto. Quando la pianta è in fioritura, per prolungare al massimo questo suo bellissimo momento, potete metterla in un ambiente con poca luce. Dalla metà di maggio in poi è consigliabile metterla all’esterno in terrazza.In natura la pianta usa le sue radici solo come sostegno per arrampicarsi sugli alberi e sui rami e non hanno la funzione di immagazzinare l’acqua. E’ nella rosetta centrale della pianta che l’acqua è raccolta e immagazzinata. Bagnatela quindi con acqua tiepida, direttamente nel suo cuore. Ottima la temperature ambiente. Quando decidete di mettere la vostra pianta in giardino,mai prima della metà di maggio, abbiate l’accortezza, per i primo giorni, di tenerla in una posizione riparata per darle il tempo necessario ad abituarsi al nuovo ambiente.

0 Comments: