Passa ai contenuti principali

LA CALLA


Candide e sfumate di verde, bianco latte con pennellate di porpora, giallo solare e brillante con macchia scura al centro, rosa confetto con corolla doppia. Dimentichiamo per un minuto la specie più classica la Calla bianca, e lasciamoci entusiasmare dalle nuove varietà di Calle colorate quelle estive, sempre più ricche di particolari sfumature, tanto da essere considerate le regine dei bouquet estivi. La parte più attraente di queste calle sudafricane è quella esterna, chiamata spata, una sorta di involucro messo da madre natura a protezione del fiore vero e proprio, un breve cilindro affusolato e giallo al centro. Nel giardino le Calle sono le più duttili perché le corolle si aprono dopo otto settimane dalla piantagione primaverile che avviene da aprile a fine maggio, cosi da prolungare la loro presenza fino a metà estate. Le prime a spuntare sono le foglie sorrette da piccioli robusti e formate da una lamina ampia e appuntita. La foglia al tatto è tenera e di un verde brillante spesso cosparse da macchioline argentate che le rendono ancora più attraenti. Infine nascono i fiori, da tre a quattro per ogni pianta, l'apertura della corolla è graduale e prolungata la sorpresa di scoprire il colore fino a quando la spata non sboccia completamente.
Le calle colorate sono eco rispetto alla calla bianca che amano i terreni umidi perché hanno una predilezione per i terreni asciutti e drenati. Per evitare che il terreno si surriscaldi non serve aumentare la frequenza delle annaffiature con dispendio inutile di acqua o coprire il suole con pacciamatura: basta piantarle fitte, perché le foglie stesse forniranno la giusta dose di ombra e di riapro dall'usura.
Lo sapevate che.... la calla è un fiore originario dell'Africa centro meridionale dove cresce spontaneo, nel linguaggio dei fiori la calla significa bellezza ed è il nome che Linneo deve a questo carnoso ed elengante fiore inspirandosi al vocabolo greco Kalos che vuol dire bello. Nell'ottocento il nome è stato cambiato in Richardia e poi definitivamente in Zantedescia in onore di Francesco Zantedeschi, fisico e botanico italiano.

Commenti

Post popolari in questo blog

ANTHURIUM A 360 GRADI

Come pianta da camera, negli ultimi anni l'Anthurium ha subito uno sviluppo profondo, sia in termini di struttura, dimensioni del vaso, durata, che di colore, forma e dimensioni del fiore.
Per questo l'Anthurium da vaso si è sviluppato fino a diventare una pianta adatta a qualsiasi ambiente, da un locale arredato in stile moderno a uno classico, da un ambiente di lavoro a uno domestico.

Consigli per la cura: Molta luce, ma non sole diretto;Temperatura ambiente (non sotto i 17°C);Annaffiare due volte alla settimana (più o meno 250 ml di acqua tiepida);Concimare ogni tre settimane. Importante annaffiare uniformemente e con regolarità (non lasciare mai seccare troppo la pianta, e nemmeno annaffiare troppo)
Non annaffiate troppo (troppa acqua danneggia le radici. Le foglie diventano gialle invece che verdi). Non annaffiare poco (troppo poca acqua frena la crescita e lo sviluppo dei fiori nuovi).


Le macchie marroni sulla foglia dell’Anthurium possono avere diverse cause:
terreno troppo…

CICLAMINO FAQ

Dove sistemare i ciclamini, in casa o sul terrazzo? Quali sono le posizioni da evitare ?Sistemate i ciclamini in un locale luminoso, ma al riparo dal calore.
Il ciclamino in vaso ha bisogno di luce, e va protetto dai raggi solari diretti. Preferisce ambienti freschi. Per prolungarne la fioritura, potrete sistemarlo nel soggiorno, vicino ad una finestra, preferibilmente non orientata a sud e, soprattutto, lontano dai radiatori. Stanze fresche, camere da letto, ingressi o vani delle scale rappresentano spesso ambienti ideali per il ciclamino. Per conservare più a lungo la vostra pianta, potrete anche metterla fuori, di notte, scegliendo un adeguato riparo nelle regioni più fredde. Infine, sulla vostra veranda, il ciclamino si troverà come nella serra dell’orticoltore.
Come va innaffiato il ciclamino ?1) Potrete annaffiare il ciclamino dall’alto, con un innaffiatoio a collo lungo, sul bordo del vaso, evitando di bagnare il bulbo situato al centro della pianta. Basta innaffiarlo …

LA MIGLIORE STAGIONE DELLE ORTENSIE

La stagione ideale per piantare le ortensie è la primavera, quando non vi sia più pericolo di gelate o l’autunno, nei climi più caldi. Evitare comunque di piantare in una giornata particolarmente rigida o di vento freddo. La condizione migliore è quando, dopo la pioggia, il terreno è friabile e umido.
La buca va scavata di dimensione doppia, sia in larghezza che in profondità, della zolla da piantare. Deporre sul fondo dello stallatico ben maturo o del composto. Riempire con la terra dello scavo, alla quale si sarà aggiunto sabbia o composto di foglie, per aiutare la ritenzione dell’acqua. Bagnare abbondantemente. Una buona pacciamatura, attorno alla pianta, aiuterà a mantenere l’umidità desiderata. Controllare, nei giorni successivi, se la pianta dà segni di sete: in quel caso bagnare copiosamente. Se si pianta l’ortensia in mezzo al prato, lasciare un anello di terra nuda attorno al piede del cespuglio, perché le sue radici non soffrano la concorrenza di quelle dell’erba. Man mano ch…