martedì 14 aprile 2009

KALANCHOE UN PO DI STORIA

La Kalanchoe, appartenente alla famiglia delle Crassulaceae, proviene dall'Africa e dall'Asia. La maggior parte delle kalanchoe si trova in Madagascar, in Sud Africa e nella regione africana sudorientale, di preferenza in zone simili alla savana, dove vi sono forti escursioni termiche (a volte fino a 35°C) fra il giorno e la notte. Il nome kalanchoe proviene da una parola latina, che a sua volta prende origine dal termine cinese "Kalan chau".


Un pò di storia
La Kalanchoe fu portata dall'Africa a Parigi nel 1927. L'anno successivo il commerciante di semi Robert Blossfeld di Potsdam, Germania, scoprì la kalanchoe e ne fece una pianta da camera, introducendola sul mercato nel 1932. Infatti, il suo nome è legato alla pianta: Kalanchoe Blossfeldiana. Le piante da camera già note vengono denominate dai floricoltori razze blossfeldiane. Altri nomi con cui la kalanchoe è famosa sono: "Flaming Cathy" (negli Stati Uniti ed in Inghilterra) e "Flammenden Käthchen" (in Germania). Insieme ad altre razze botaniche, la Kalanchoe Blossfeldiana è all'origine dell'assortimento attuale. Dal 1928 ad oggi molte aziende e molti floricoltori hanno lavorato allo sviluppo della Kalanchoe. Dapprima si sono occupati della Kalanchoe genetisti tedeschi e svizzeri, in seguito è stata la volta di scienziati americani. Il grande successo internazionale si è avuto negli anni Ottanta, grazie all'impegno dei floricoltori danesi ed olandesi. Il risultato di queste costanti attività di selezione genetica è una pianta compatta con peduncoli robusti ed un'umbella ricca. Vi sono numerosi colori, da tinte sgargianti a tonalità pastello. Nell'assortimento sono ora presenti anche diverse razze bicolori. Le piante vengono coltivate in vasi delle dimensioni di 5,5-23 cm.l punto di forza della Kalanchoe è la sua durata, che, nel caso di alcune razze, può ammontare fino ad otto settimane. Grazie alla selezione genetica, la qualità e la produzione di Kalanchoe hanno compiuto normi progressi.
Ed è per tale motivo che può essere definita a ragione "il sole fra le piante da vaso".

Sistemare la pianta in luogo illuminato, anche in pieno sole.
- Essa necessita di poca acqua: estate: innaffiare una volta la settimana inverno: innaffiare una volta ogni due settimane
- Ogni due-tre settimane aggiungere fertilizzante per piante all'acqua.
- La temperatura interna di casa è ideale per la Kalanchoe, benché essa possa vivere comodamente anche tra i tra 12 e 30 °C.
- Non staccare di proposito i fiori appena sbocciati per permettere una buona fioritura della pianta.

1 Comment:

anna said...

Mi piace questa pianta,me ne hanno regalate un paio questa pasqua e ne ho già tre piantate da 2 anni in aiuola.Interessante la sua storia.