Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da giugno 15, 2008

BOUQUET DI CALLE

Bouquet di calle bianche e calle gialle CAPTAIN AMIGO

EUROFIORI 2008

Non solo Europei di calcio quest'anno ma anche europei di fiori, dove in Belgio paese ospitante della manifestazione EUROFLEURS2008 la coppa Europa dei Giovani Fioristi Europei.Ecco i 13 finalisti che si affronteranno a colpi di composizioni e bouquet. Forza ILARIA siamo tutti con te

Una composizione di piante viola

Un composizione di piante nelle tonalità del viola con Salvia farinacea, Lavanda e Torrenia.
Una combinazione resa possibile dall'adattabilità di tutte e tre queste piante e valorizzata dalla fioritura a scalare della Torrenia fiorirà fino a settembre primi di ottobre, la Salvia fino ad ottobre ed infine la Lavanda che subentrerà da giugno fino alla fine di agosto. Ovviamente con un inverno molto freddo le due piante di Salvia e Torrenia moriranno e lasceranno spazio alla Lavanda.

Vediamole in dettaglio:

La Salvia farinacea pianta erbacea perenne deve essere ripulita un po' come il geranio dalle fioriture che col tempo appassiscono.La Torreniaerbacea annuale e perenne, è caratterizzata da fusti carnosi e molto ramificati, ricoperti da piccole foglie ovali, di colore verde brillante; produce moltissimi fiorellini tubolari di colore blu- lilla con la parte interna gialla. Ideale per vasi o cesti appesi, poiché i fusti ricadenti formano una vera e propria cascata di fiori; si può ut…

Zantedeschia Captain Amigo

Ha un ottima durata e sopporta il caldo per più di dieci giorni ma il vero fascino proviene dal calice giallo dorato coperto da sottili fiamme rosse molto eleganti.
Un fiore protagonista per composizioni ma anche in un bouquet esclusivo.

un pò di Storia

Prima la Zantedeschia veniva chiamata Arum aethiopicum, un altro nome per la pianta era Calla aethiopica in greco "cresciuta nel paese dei mori" ossia "bruciata dal sole". "calla" significa "bella" in greco si usava anche dire "RICHARDIA africana", nome del botanico francese RICHARD.
Alla fine si decise per ZANTEDESCHIA, come il medico e botanico ZANTEDESCHI G.

TWITTER

Ho aggiunto nella sidebar di destra il mio micro blog di Twitter con post da 140 caratteri max

UN CAMPO DI ALBICOCCHE

Buongiorno a tutti se venite al mare il 4-5-6 LUGLIO fatevi un giro a Vallegia ne vale veramente il palato. Si svolge la 9° Edizione della "UN CAMPO DI ALBICOCCHE"
L’Albicocca di Valleggia è la più nota, per diffusione e bontà. È una varietà molto ricercata per le sue qualità organolettiche. Il frutto di colore giallo-arancio di pezzatura media, ha buona conservabilità. La polpa è dolce e leggermente aromatica. La maturazione va da fine giugno a metà luglio.

La boungavilla

Dove l'inverno è tiepido la boungavilla vive e si adatta benissimo ma al nord non regge la temperatura tranne per qualche zona protetta dal vento freddo e dal tessuto geo tessile. In condizioni ideali la pianta si sviluppa intensamente, ci sono ceppaie di 25/30 anni anche oltre. La potatura della Boungavilla è molto importante se prendiamo in mano un getto laterale vedremo che la fioritura esce da un ramo nato durante l'anno, questi germogli nuovi nascono per effetto di questa potatura diversamente la pianta si rinnoverà da sola tutti gli anni generando una nuova punta da dove emettera la nuova fioritura. La potatura come ho detto è importante ma non è necessaria ha lo scopo di tenere la pianta il più possibile schiacciata al muro o alla parete. La cosa più importante invece è la concimazione che va fatta ogni 15 giorni con fertilizzante idrosolubile.

Ciliegina

Buongiorno a tutti oggi è una giornata molto allegra e interessante le Ciliegine MARASCA del mio giardino sono di un rosso vivo quasi mature e pronte per essere raccolte, una delizia del palato.
La Marasca è un albero eccezzionale anche dal punto di vista ornamentale, noi molto spesso quando creiamo un giardino ricorriamo sempre all'albero da fiore perché ha tonalità diverse foglie colorate etc, la marasca in questo caso ci aiuta sia quando è in fiore ed anche dal punto di vista del frutto che molto spesso si sottovaluta. Anche per chi non dispone di spazi esageratamente ampi può trovare in questa Ciliegia una valida alternativa. La Ciliegina Marasca fruttifica molto in fretta anche in un albero di piccole dimensione. E' possibile avere questo alberello coltivandolo sul terrazzo ovviamente le dimensioni del vaso contenitore devono essere almeno di 60-80 di dm, in primavera il terrazzo sarà fiorito e in estate avrà i frutti. A livello di trattamenti antiparassitari la Marasca è…

THUMBERGIA

La fioritura della Thumbergia crea contrasti cromatici con i fiori della rose gialle varietà MACIS. Insieme fioriscono da Giugno a Settembre peccato per l' annualità di questo rampicante che produce sottili fusti flessibili, rampicanti o ricadenti, lunghi fino a 200-330 cm., ricchi di piccoli fiori dorati a profusione, caratterizzati dal centro di colore viola-scuro.

THUMBERGIA
Famiglia: Acanthaceae
Ciclo di Vita: Annuale
Origini: Africa
Indicata per: Graticci, muri, recinzioni
Semina: Marzo - Aprile su letto caldo; quando la pianta ha tre o quattro foglie ripicchettare; privarla dell'aria per facilitarne la ripresa, poi riabituarla progressivamente all'aria fino alla messa a dimora alla fine di Maggio
Fioritura: Luglio - Settembre
Esposizione: Ben soleggiata, ma riparata
Innaffiature: Regolari ma moderate
Terreno: Soffice e ricco, molto ben drenato

Bougainvilla

La Bougainvillea è una sempreverde o semi-sempreverdi rampicante. La bellezza della Bougainvillea sta tutta nelle brattee che circondano i fiori in una vasta gamma di colori che comprendono il rosso, il viola, l' arancio , l' albicocca, il bianco, il rosa, il crema, il giallo e i bi-colore. E facile da crescere basta posizionarla a Sud adagiata su di un muro o pergolato. Si coltiva all’aperto come rampicante, ma può anche essere tenuto in casa in vaso potandolo a forma di cespuglio. Questa pianta possiede rami spinosi e foglie ovali. Le brattee compaiono in primavera-estate e persistono per alcuni mesi. La buganvillea vive bene a temperatura ambiente durante la vegetazione; durante il riposo preferisce invece una temperatura più fresca (non però inferiore agli 8-10 °C).

Guida ai lavori nel giardino nel mese di Giugno

GIARDINOSe abbiamo piantato il lillà e altri arbusti che sono fioriti tra aprile e maggio; pratichiamo una curata pulitura sopprimendo le branche secche e accorcinadole di un terzo quelle più vigorose.C'e anche da potare gli arbusti a fioritura tardo-primaverileSmuovete il terriccio intorno agli esemplari giovani piantati in primavera le radici respireranno meglio.Sorvegliate di tanto in tano le piante sensibili ai parassiti.Tagliare i polloni delle piante sono rami inutili, indeboliscono l'esemplare consumando nutrimento e acqua.Potate le siepi di Tuya, Cipresso a altri sempreverdi.Pulite la vegetazione degli arbusti si spirae, weigelia, deutzia accorciando i rami se è necessario. AIUOLE
Concimate ogni 10-15 giorni con concime per piante da fiore inumidendo prima il terrenoLe perenni che hanno finito la fioritura vanno potate.Estirpate le bulbose prmaverili. il fiore di questo mese è la zinnia una specie annuale originaria del Messico facile da coltivare con poche esigenze, i…

SAN GIOVANNI - La notte della magia

Si avvicina la notte di san giovanni la magica notte delle fate e folletti. Avete mai visto fiorire le felci? Naturalmente no, perchè non producono fiori. Si diceva che nella magica notte di San Giovanni le felci potessero fiorire, complici i folletti dei boschi. Vederli non era possibile spiarli un atto segreto. Nel giardino brillano i fiori come l'iperico protagonista di magiche leggende.

I PROBLEMI DELLE CAMELIE

Il problema dei boccioli che non si aprono è comune a quasi tutti gli stimantori di questa bellissima pianta. Dov'è che si sbaglia? Nelle innaffiature, non devono essere nè abbondanti, neè scarse e vanno fatte quando il terriccio in superficie incomincia ad asciugarsi. Da Gennaio è consigliabile fertilizzarla con un concime per piante acidofile da aggiungere all'acqua fino alla fine della fioritura. Con un po di pazienza il vicino invidierà le vostre Camelie

ROSE EVITARE DI

.....lasciare le corolle sfiorite, a meno che come mi è successo in questi giorni la pioggia forte rovini le rose dovendole eliminarle di un terzo del gambo, per non sforzare troppo la pianta ed avere una buona produzione di frutti per l'autunno.

L'Oleandro

D: L'Oleandro vive al nord?

Mariangela:L'Oleandro è una pianta mediterranea ha qualche problema a vivere ma con il clima mite di questi anni si sta adeguando a vivere e vegetare anche al nord senza portare il vaso in un locale riparato dal freddo.
E' una pianta che si coltiva in terra proprio in virtù del fatto che non essendoci queste brinate, queste gelate riesce a vivere in piena terra.

D: L'Oleandro ha bisogno di potature?

Mariangela:L'Oleandro non ha delle grandi necessità di potatura, solo quando la pianta diventa invadente si procede accorciando i rami laterali 20-30% a questo punto si ha la certezza di avere una pianta compatta per gli anni successivi. Si può educare la pianta anche ad alberello si scegle un unico ramo e lo si lascia crescere mantenendolo pulito lateralmente piano piano ingrossa e diventa un alberello.

D: La talea?

Mariangela: La talea dell'Oleandro e molto facile da farsi e va fatta tra maggio e giugno dove si ottiene un ottima ramificazione…

CAMELIE COME COLTIVARLE

LeCamelie amano il caldo e i climi temperati, amano anche la luce ma non il sole diretto ne quello caldo estivo, dove conviene porle sotto ad un ombreggio parziale. Il sole diretto provoca ustioni alle foglie più o meno gravi a seconda della intensità lo si nota dalle macchie che si formano sulle foglie.
Anche il freddo viene mal sopportato dalle Camelie quelle a fioritura prococe sono le più vulnerabili danneggia i fiori facendogli anneire e marcire prima che possano spiegare le corolle. Quindi se fa ancora freddo in primavera devono essere difese con copertura di foglie o paglia alla base delle radici e ricoprendo l'intera pianta con sacchetti di tessuto non tessuto microforato garantisce alla pianta una corretta arieazione.
Nei mesi estivi le Camelie coltivate in vaso sono sensibili al troppo calore del sole percui il terriccio raggiungendo una temperatura elevata provoca la lessatura del capillizzio radicale.

Le difficolta nel coltivare le Camelie in vaso sono:
garantire un'…

CLEMATIS terreno

Usare un terriccio standard ben strutturato con pH 6-6,5 e con concimazione di base di circa
2-2,5 kg/m3 di concime a lenta cessione. Effettuare il trapianto in aprile utilizzando tre piantine
per vasi da 3 lt., mentre dalla semina al trapianto necessita 6 settimane di coltura. Pianta la clematis ad almeno mezzo metro dal muro, cancello o albero contro cui vuoi farla arrampicare e posiziona un bastone in bambù per sostenerla.

La clematis richiede una buca di piantagione profonda, di almeno 10 cm più profonda del vaso in cui è stata coltivata. Aggiungi del concime organico e un secchio d’acqua.
Le radici della clematis amano una posizione ombreggiata, in quanto il sole danneggia le radici; posizionala quindi all’ombra e nelle prime settimane annaffiala abbondantemente. Dopo la piantagione pota la clematis a 50 cm circa, sopra un paio di gemme vigorose. Le piante
devono essere sorrette da un tutore fin dalla prima settimana dopo il trapianto al fine di garantire
un’ottima stabilità; anche l…