Passa ai contenuti principali

LA PETUNIA

La petunia è uno dei più popolari annuali da fiori molto presente nei nostri giardini, terrazzi e portici.
Le petunie che conosciamo oggi sono lontane da quelle apparse per la prima volta nei giardini, con solo due specie, a fiore bianco Petunia axillaris e a fiore viola Petunia violacea. Introdotta in Europa agli inizi del 1800, queste specie non sono state sono state poi ibridate.


Le Petunie appartengono alla famiglia delle Solanacee, la stessa dei pomodori e dei peperoni, si dividono in quattro classi:


Multiflora: particolarmente adatte in condizioni meteorologiche avverse, soprattutto al caldo umido durante il quale continuano a fiorire liberamente. I fiori, possono essere singoli o doppi e si producono in abbondanza per tutta la stagione.

Grandiflora: queste petunie, a fiore grande, sono adatte alle temperature fresche. I fiori possono essere singoli o doppi e si presentano più compatte e resistenti alle malattie.

Floribunda: Disponibile a fiore singolo e doppio, la floribunda è fondamentalmente un miglioramento della multiflora con fiori più grandi e della stessa abbondante fioritura.

Le Floribunda sono eccellenti per la crescita in vasi e cesti pendenti.

Milleflora: una nuova petunia, denominata 'Fantasy.. I fiori sono prodotti in abbondanza e ben si adattano ai contenitori pendenti. Le milleflora richiedono poca manutenzione, perché non devono essere potate.

Crescere la Petunia

Sono
molto adattabili a crescere in qualsiasi tipo di terreno che abbia un buon drenaggio. Quando piantate la petunia miscelate il terreno con torba e compost.
Seminare le petunie può sembrare scoraggiante per via del seme molto piccolo , ma in realtà non è così difficile:

1. Riempire un contenitore, o piatto, con sementi in busta. Inumidire il mix e lasciar scolare.

2. Toccate i semi di delicatamente, e stendeteli sulla terra meglio mista a sabbia. Non coprite i semi perché hanno bisogno di luce per germinare. Premete il semi giù in modo che entrani in contatto con il mix, quindi il contenitore di acqua dal basso. Etichettate il contenitore con varietà e nome.

3. Coprire il piatto con un foglio di plastica chiara per mantenere il mix di essiccazione, mentre i semi sono in germinazione.

4. Mettete il piatto in un ambiente caldo e luminoso ad una temperatura media tra da 21 e 24 º C Quando emergono le pianticelle rimuovete il coperchio di plastica. Tenere il mix uniformemente umido da irrigate il piatto dal basso.

5. Quando le pianticelle sono abbastanza grandi da gestire (dovrebbero avere almeno due serie di foglie), di solito intorno al 3 a 5 settimane dalla semina



Se si acquistano presso i vivai piante, saranno senza dubbio in fiore, in modo da poter vedere i colori fate attenzione al verde che non deve essere secco e giallo..

Petunia Manutenzione

Petunie non richiedono molta attenzione, ma un po 'di attenzione.
Fertilizzare le piante mensilmente con dei fertilizzanti universali. Sono abbastanza tolleranti alla siccità, tuttavia, osservate che il terreno non diventi troppo asciutto.

Le Petunie sono piuttosto resistenti alle malattie, tuttavia sono molto sensibili alla Botrytis, un fungo che si diffonde rapidamente da piante infette a quelle sane.
Le piante in giardino possono essere attaccate dalla mosca bianca e coleotteri; quest'ultimo può mangiare fiori e foglie.




Commenti

Post popolari in questo blog

ANTHURIUM A 360 GRADI

Come pianta da camera, negli ultimi anni l'Anthurium ha subito uno sviluppo profondo, sia in termini di struttura, dimensioni del vaso, durata, che di colore, forma e dimensioni del fiore.
Per questo l'Anthurium da vaso si è sviluppato fino a diventare una pianta adatta a qualsiasi ambiente, da un locale arredato in stile moderno a uno classico, da un ambiente di lavoro a uno domestico.

Consigli per la cura: Molta luce, ma non sole diretto;Temperatura ambiente (non sotto i 17°C);Annaffiare due volte alla settimana (più o meno 250 ml di acqua tiepida);Concimare ogni tre settimane. Importante annaffiare uniformemente e con regolarità (non lasciare mai seccare troppo la pianta, e nemmeno annaffiare troppo)
Non annaffiate troppo (troppa acqua danneggia le radici. Le foglie diventano gialle invece che verdi). Non annaffiare poco (troppo poca acqua frena la crescita e lo sviluppo dei fiori nuovi).


Le macchie marroni sulla foglia dell’Anthurium possono avere diverse cause:
terreno troppo…

CICLAMINO FAQ

Dove sistemare i ciclamini, in casa o sul terrazzo? Quali sono le posizioni da evitare ?Sistemate i ciclamini in un locale luminoso, ma al riparo dal calore.
Il ciclamino in vaso ha bisogno di luce, e va protetto dai raggi solari diretti. Preferisce ambienti freschi. Per prolungarne la fioritura, potrete sistemarlo nel soggiorno, vicino ad una finestra, preferibilmente non orientata a sud e, soprattutto, lontano dai radiatori. Stanze fresche, camere da letto, ingressi o vani delle scale rappresentano spesso ambienti ideali per il ciclamino. Per conservare più a lungo la vostra pianta, potrete anche metterla fuori, di notte, scegliendo un adeguato riparo nelle regioni più fredde. Infine, sulla vostra veranda, il ciclamino si troverà come nella serra dell’orticoltore.
Come va innaffiato il ciclamino ?1) Potrete annaffiare il ciclamino dall’alto, con un innaffiatoio a collo lungo, sul bordo del vaso, evitando di bagnare il bulbo situato al centro della pianta. Basta innaffiarlo …

LA MIGLIORE STAGIONE DELLE ORTENSIE

La stagione ideale per piantare le ortensie è la primavera, quando non vi sia più pericolo di gelate o l’autunno, nei climi più caldi. Evitare comunque di piantare in una giornata particolarmente rigida o di vento freddo. La condizione migliore è quando, dopo la pioggia, il terreno è friabile e umido.
La buca va scavata di dimensione doppia, sia in larghezza che in profondità, della zolla da piantare. Deporre sul fondo dello stallatico ben maturo o del composto. Riempire con la terra dello scavo, alla quale si sarà aggiunto sabbia o composto di foglie, per aiutare la ritenzione dell’acqua. Bagnare abbondantemente. Una buona pacciamatura, attorno alla pianta, aiuterà a mantenere l’umidità desiderata. Controllare, nei giorni successivi, se la pianta dà segni di sete: in quel caso bagnare copiosamente. Se si pianta l’ortensia in mezzo al prato, lasciare un anello di terra nuda attorno al piede del cespuglio, perché le sue radici non soffrano la concorrenza di quelle dell’erba. Man mano ch…