Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da dicembre 9, 2007

CONCERTI DI NATALE

Domenica, 16 dicembre
Ore 21 Chiesa di Nostra Signora della Neve Via Saredo – Savona
DARIO CARUSO & ENSEMBLE CHITARRISTICO in CONCERTO DI NATALE

Venerdì, 21 dicembre
Ore 21 Chiesa di Sant’Andrea Mioglia (SV)
CENTO VOCI PER NATALE In collaborazione con l’Istituto Comprensivo di Sassello

Domenica, 23 dicembre
Ore 21 Presepe Vivente di Roccavignale
ENSEMBLE CHITARRISTICO in CANZONI DI PACE PER IL NATALE

TEMPO DA NEVE

Questa mattina a Savona intorno alle ore 8.00 forte nevicata durata circa 30 minuti senza però creare conseguenze alla viabilità e alle persone.
In tarda mattinata uscita del sole (anche se molto pallido) e temperature in picchiata sopra allo 0 seguite da un forte vento gelido e mare molto mosso.

UNA TAVOLA DI NATALE

CIO' CHE SERVE PER LA REALIZZAZIONE

EderaFelceVaso di vetroAnanasRose Milva
Cimbidium verdeTulipanispugna per fiori freschicoltelloforbice da potarefilo metallicostecche di legno
Esecuzione : Per prima cosa dovete immergere la spugna nell'acqua per circa 5 minuti. Una volta che la spugna è pronta tagliatela per metà.
Una parte vi servirà per fermare la spugna e un altra per realizzare la composizione.
Infilate una parte di spugna nel vaso spingendola a fondo.
Con la parte rimasta ritagliatevi 4 cunei. Come?
Basta praticare un taglio a X.
Prendete due cunei e insieme spingeteli ai lati del vaso. E' importante inserirli insieme altrimenti la spugna perderà stabilità. Con i ristanti cunei fate la stessa cosa per gli due lati.
Infilate l'edera ricoprendo tutta la spugna, con la felce invece disponetela tutta intorno.
Arrivati a questo punto non resta che infilare i fiori. Non c'e una regola nella composizione formale per inserire un fiore invece che un altro, l'importante e…

CENTROTAVOLA NATALIZIO PARTE 3

Il centrotavola natalizio può anche essere fatto con i fiori colorati della rosa gialla sprinz, dell'ortensia e del lilium.
CIO' CHE CI SERVE PER LA REALIZZAZIONE SONO :
7 rose gialle sprinz2 ortensie3 lilium L.A1 pinza trancinate1 coltellofilo metallico1 spugna3 fiori di astromeria
Esecuzione
Immergere la spugna per fiori recisi in acqua e lasciarla affondare completamente.
Infilate le foglie nella spugna disponendole tutto intorno. Infilate l'ortensia dandole un po di forma a semisfera.
Infilate ora i fiori, prima il lilium poi le rose e infine sui lati l'astromeria.
Se volete aggiungere la candela dovete infilare prima altrimenti vanno bene anche delle piccole candele nel vetro intorno al centrotavola come ho fatto io.

ROSA ESPERANCE

A fiore grande rosa ha un diametro di 13 cm, forme sorprendentemente sontuosi boccioli e ha una media di 44 petali Decisamente una rosa con una fiammante personalità!

I suoi petali di rosa salmone sono alla base, trasformandosi in un attraente rosa arancione e fuchsia.Lo stelo varia tra 70 e 100 centimetri di lunghezza

IL PETTIROSSO

Nella stalla dove stavano dormendo Giuseppe, Maria e il piccolo Gesù, il fuoco si stava spegnendo. Presto ci furono soltanto alcune braci e alcuni tizzoni ormai spenti. Maria e Giuseppe sentivano freddo, ma erano così stanchi che si limitavano ad agitarsi inquieti nel sonno.
Nella stalla c'era un altro ospite: un uccellino marrone; era entrato nella stalla quando la fiamma era ancora viva; aveva visto il piccolo Gesù e i suoi genitori, ed era rimasto tanto contento che non si sarebbe allontanato da lì neppure per tutto l'oro del mondo.
Quando anche le ultime braci stavano per spegnersi, pensò al freddo che avrebbe patito il bambino messo a dormire sulla paglia della mangiatoia. Spiccò il volo e si posò su un coccio accanto all'ultima brace.
Cominciò a battere le ali facendo aria sui tizzoni perché riprendessero ad ardere. Il piccolo petto bruno dell'uccellino diventò rosso per il calore che proveniva dal fuoco, ma il pettirosso non abbandonò il suo posto. Scintille rovent…

SANTA LUCIA

Oggi è santa Lucia e mi chiedevo se ci sarebbe stati i consueti mercatini per questa occassione visto lo stop prolungato dei camionisti che ha paralizzato tutto il traffico e in particolare tra Savona e Ventimiglia. Io ho comprato due sciarpe e voi cosa avete comprato nei vostri mercatini.
Fatemi sapere?

LILIUM ROSSO MOLTO NATALIZIO

I petali di questo giglio trasmettono un messaggio unico : un giglio natalizio che riscalda il cuore.
Il giglio è molto bello già da quando i calici sono chiusi, fiorendo diventa di un colore rosso intenso, quasi fluorescente inoltre supera come tutti i lilium i 10 - 14 giorni di durata che per un fiore non è niente male.
Il lilium appartiene alla famiglia delle liliacee e la spiegazione del suo nome deriva dal un vecchio nome botanico latino, in italiano è detto comunemente giglio.
Simboleggia l'innocenza, la fugacità, la regalità, l'amore, la fertilità, la purezza, il candore.

GLOSSARIO BOTANICO

Achenio: Frutto secco indeiscente monospermo,con pericarpo sottile e cuoioso. Il termine, talvolta ambiguo ed usato spesso per indicare frutti diversi, viene riferito ad un ovario mono- o pluricarpellare; esempio il frutto delle Asteracee (Composite) che hanno ovario infero pluricarpellare. Aciculare: Riferito a organi di forma sottile, aghiforme, rigida e acuminata. Aciculato: Riferito ad un organo che presenta sulla superficie solchi e striature sottili. Aclamide (sin.= nudo) di fiore privo del perianzio. Aculeato: Dotato di aculei. Aculeo: Struttura appuntita in cui non passano i tessuti conduttori e che deriva dai tessuti epidermici; ad esempio nelle Rose. Acuminato: Riferito all' apice di una foglia, (petalo, sepalo, brattea ecc.), quando esso termina restringendosi gradualmente in una punta sottile ed allungata. Acuto: Riferito all' apice di una foglia, (petalo, sepalo, brattea ecc.), quando esso termina a punta formando un angolo acuto. Aerenchima: Tipo di tessuto paren…

L'ALTERNATIVA ALLA STELLA DI NATALE SKIMMIA JAPONICA

Arbusto di dimensioni piccole o medie, originario del Giappone. Ha fogliame di colore verde scuro, brillante, leggermente cuoioso, sempreverde, di forma ovale o lanceolata. I fiori sono di colore bianco, o crema, con boccioli rossastri, sbocciano verso la fine dell'inverno, all'apice dei fusti, ma in genere i boccioli si presentano sulla pianta già in autunno. Questi arbusti sono di facile coltivazione, e tendono a mantenere una forma compatta e tondeggiante. Esistono numerose cultivar dal portamento denso e generalmente nano. Gli esemplari adulti possono raggiungere il metro di altezza, gli ibridi si mantengono al di sotto dei 50 - 60 cm


Esposizione: si pongono a dimora in luogo molto luminoso, con sole, a mezz'ombra, o all'ombra quasi completa. Non temono il freddo e sono molto resistenti alle intemperie


Annaffiature: annaffiare regolarmente per tutto l'arco dell'anno, soprattutto durante i mesi più caldi. Si raccomanda di attendere che il terreno sia ben asciu…

POINSETTIA PULCHERINA

La Stella di Natale, simbolo di buon auspicio e di rinnovamento, è un arbusto originario del Messico, vigoroso e di rapido sviluppo, con aspetto cespuglioso.
I rami sono lisci e cilindrici, verdi, contenenti lattice che fuoriesce abbondantemente in corrispondenza di tagli o fratture.
Le foglie sono alterne, oblunghe con 3-7 lobi acuti, di colore verde e caduche. I fiori giallicci e non decorativi sono riuniti in cime. Fiorisce in dicembre.
La Poinsettia, viene coltivata per le sue larghe brattee, di colore rosso scarlatto vivissimo, che accompagnano le infiorescenze, formando un grande fiore stellato, molto decorativo che l'hanno resa particolarmente ricercata nel periodo delle festività natalizie.
Vi sono anche varietà rosa e bianche. Può essere coltivata in serra o in pieno campo, in zone le cui condizioni climatiche lo consentano.
Preferisce un clima caldo temperato, una buona luminosità, terreni soffici e piuttosto permeabili, concimati abbondantemente.
Le irrigazioni devono esse…

PREPARAZIONE DI UN MAZZO NATALIZIO DI ROSE

FIORI ESOTICI NATALIZI "LA PROTEA"

Questi due bellissime Protee sono particolarmente apprezzate nel periodo natalizio e non solo. Io nei mazzi la preferisco naturale in combinazione con quelle più piccole.
Hanno una grandissima durata ed una volta sfiorite assumono un colorazione marrone-scura. La nuova forma del fiore viene impiegata nelle composizioni secche

I FIORI DEL CICLAMINIO

Il ciclamino ha bisogno delle stesse attenzioni del geranio estivo. Le foglie gialle sofferenti per il caldo e per l'acqua vanno tolte dalla pianta impedendo dei marciumi più estesi. I fiori sono solitari, portati da un lungo peduncolo che si sviluppa anch'esso dal tubero, questi una volta maturati vanno tolti tagliando con la massima delicatezza, il peduncolo senza fiore. In questo modo il bulbo svilupperà altri fiori fino in tarda primavera.